De Luca 15° nella 50km mondiale

14 Agosto 2013

Oro all'irlandese Robert Heffernan (3h37:56), Marco De Luca è 15esimo, Jacques Nkouloukidi 24esimo, Teodorico Caporaso 42esimo

 

E’ il quindicesimo posto di Marco De Luca, il miglior piazzamento italiano nella 50km di marcia andata in scena questa mattina ai Campionati del Mondo di Mosca. Oro all’irlandese Robert Heffernan (3h37:56), che coglie il primo alloro internazionale - dopo il quarto posto ai Giochi di Londra 2012 - all’età di 35 anni. L’argento va al 21enne al russo Mikhail Ryzhov (3h38:58), mentre il bronzo è dell’australiano Jarred Tallent (3h40:03). Jean Jacques Nkouloukidi è 24esimo (3h54:00), Teodorico Caporaso 42esimo (4h05:25).

LA CRONACA DELLA GARA

10km
Appena usciti dallo stadio i russi Ivan Noskov e Mikhail Ryzhov si mettono sul passo di 4:25-4:30 al chilometro (un’andatura da 3h45), e fanno il vuoto. Il francese Yohan Diniz è il primo a muoversi, per cercare di agganciare i due battistrada. Dopo qualche chilometro, con azione molto secca, si muove anche un altro dei favoriti, l’australiano Jarred Tallent, che rimonta prima su Diniz, e poi, sempre strappando (arriva infatti l’ammonizione dei giudici) riaggancia i russi. Diniz, al contrario, resta in una posizione intermedia, distanziato una cinquantina di metri dal terzetto. Ai 10 chilometri, in testa fanno 44:26 (Diniz è a 16 secondi), mentre dietro, si forma un gruppo piuttosto nutrito di inseguitori, composto da una decina di marciatori, che viaggia a 26 secondi di ritardo (44:52). Marco De Luca, dopo essere partito proprio sul ritmo di questi atleti, sceglie prudenzialmente di scivolare più indietro: ai 10km transita in 45.33 (sedicesimo posto), 1:07 dai primi, 40 secondi dal gruppo.

Per Jacques Nkouloukidi passaggio da 47:14 (40esimo posto), per Teodorico Caporaso 47:25 (41esimo).

20km
Al passaggio al ventesimo chilometro (1h28:36) la situazione è leggermente variata, in virtù dell’azione promossa intorno al 17esimo da Ivan Nosov: la coppia di russi è al comando, da sola, mentre Tallent, sganciatosi dalla testa, viene prima raggiunto, e poi superato dal francese Diniz, che punta con decisione verso i due battistrada. Il gruppo, con l’irlandese Heffernan a dettare il ritmo, passa in 1h28:58; De Luca è diciassettesimo in 1h30:44 (comunque in linea per un tempo inferiore alle 3h50), con frazione di 10km di 45:11; accanto a lui, l’ucraino Ihor Hlavan, una presenza che potrebbe aiutare a dividere le fatiche della gara. Nkouloukidi è 35esimo in 1h34.17, Caporaso 41esimo, 1h34:42.

30km
La frazione di 10km dal 20 al 30, come spesso accade, produce novità sostanziali. L’irlandese Heffernan, in clamorosa risalita (21:36 e 21:43 nelle due parti di 5km, totale di 42:19) rientra sui primi, accompagnato dal polacco Sudol. Ma non solo, perché subito dopo il trentesimo, prova ad andar via con grande decisione, allungando la fila. Diniz (gravato anche di due ammonizioni) si stacca di una ventina di metri, ma non crolla. Marco De Luca passa in 2h15:46 (45:02, perfetta andatura, diciottesimo), Nkouloukidi risale al 33esimo posto (2h21:04), Caporaso è 42esimo (2h22:12).

40km
La spinta di Heffernan non ha interruzioni. Dapprima resta solo con il russo Ryzhov; poi, intorno al 38esimo, sferra una serie di attacchi, fin quando non si sgancia completamente. Il duello per il bronzo tra l’altro russo, Noskov, e il polacco Sudol, sembra risolversi a favore di quest’ultimo. Solo momentaneamente, però.

perché alle sua spalle, si avvicina minacciosa l’ombra dell’australiano Jarred Tallent. Diniz è ancora in gara, ma si trova al nono posto. Novità anche in casa Italia: Marco De Luca recupera tre posizioni: è quindicesimo, in 3h01:26 (45:40, ancora molto regolare). Jacques Nkouloukidi passa in 3h07:28, sempre al trentesimo posto; Teodorico Caporaso è 40esimo (3h11.23).

Arrivo
Il break che regala l’oro a Robert Heffernan è quello prodotto tra il quarantesimo ed il quarantacinquesimo chilometro: una frazione da 21:36, che schianta la resistenza di Ryzhov, e regala il primo successo internazionale (tempo: 3h37:56, ancora 21:30 nel finale) a questo 35enne che era stato quarto lo scorso anno ai Giochi di Londra. L’argento va al russo Ruzhov (3h38:58, solo 21 anni d’età), mentre il bronzo è saldamente al collo di Tallent (3h40.03). Merita la menzione anche l’ucraino Ihor Hlavan, che chiude incredibilmente al quarto posto (3h40:39), dopo essere passato ai 20km con Marco De Luca. Quest’ultimo taglia il traguardo al quindicesimo posto, 3h48:05 (ultimi 10km in 46:39). Jean Jacques Nkouloukidi è 24esimo in 3h54:00, con un 23:18 nell'utlima frazione (oltre due minuti più veloce degli avversari più vicini) che testimonia della prova di rimonta operata dall'azzurro.

m.s.

I MONDIALI IN TV: LA PROGRAMMAZIONE RAI
ISCRITTI/Entries
RISULTATI/Results
TUTTE LE NOTIZIE SULLA SQUADRA AZZURRA A MOSCA

FOTO/Photos

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia - hashtag: #Moscow2013 | Facebook: www.facebook.com/fidal.it


Robert Heffernan (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: