Cross, scudetti 2003 a Team Lotti e Carabinieri




 
Le donne del Team Lotti di Livorno e gli uomini dei Carabinieri Bologna sono le società campioni d’Italia di cross 2003. Le due formazioni si sono imposte - non senza una certa sorpresa - questa mattina a Modena, sul percorso del locale Parco Enzo Ferrari. A livello individuale, vittorie straniere in entrambe le prove. In campo maschile, successo del campione d’Europa della specialità, l\'ucraino Sergey Lebid, che ha preceduto in volata il marocchino Salah Hissou e il carabiniere Francesco Bennici, primo degli azzurri sul traguardo, che ha trascinato (anche grazie al quarto posto del compagno di squadra Maurizio Leone) il proprio club al tricolore. Gara avvincente, animata in testa prima da Giuliano Battocletti (settimo nel finale), e poi da Leone. Lebid si è comportato come suo solito, attendendo l’ultima tornata delle sei previste (dodici i chilometri complessivi) per sferrare l’attacco decisivo, quando era rimasto solo con Hissou. Lebid prosegue così la sua striscia vincente (non ha mai perso in questa stagione): sarà ancora in gara in Italia alla Cinque Mulini del nove marzo, prima di sferrare l’attacco mondiale alla rassegna iridata di Losanna di fine stagione. Piazze d’onore del podio per Cover sportiva e Fiamme Gialle (i finanzieri erano i campioni uscenti). Tra le donne (sei chilometri di percorso), vittoria per la 22enne keniana Rita Jeptoo, che vive e si allena a Trento (ed è tesserata per il club neocampione tricolore, il Team Lotti), capace di domare la resistenza di una ritrovata Rosanna Martin, lo scorso anno vincitrice di questa prova e animatrice della lotta odierna fin dalle prime battute. Terza piazza per Gloria Marconi, mentre il sesto e ottavo posto di Gaviglio e Tisi hanno portato lo scudetto a Livorno. Sul podio, Cover e Fiamme Oro, ma è probabile una coda: è stato annunciato un ricorso circa il tesseramento della keniana Jeptoo. Fuori causa le campionesse uscenti della Forestale, decimate da infortuni e malanni di stagione. Carabinieri in festa. La società di stanza a Bologna ha centrato l\'obiettivo scudetto anche nel cross corto (4 chilometri), beffando le Fiamme Gialle di un solo punto. Il finanziere Luciano Di Pardo ha tagliato per primo il traguardo, ma i \"vecchietti\" terribili Pusterla e Crepaldi, con il supporto del giovane Obrist, hanno portato il titolo a Bologna. Da sottolineare la crescita del non ancora ventenne Stefano Scaini, terzo. Tra le donne, sempre sui 4 chilometri, dominio della Fondiaria-Sai Roma (nuova denominazione sociale per le ragazze della vecchia Sai Assicura Progetto Atletica), che ha piazzato tre atlete (Zanatta, Sicari, Pilskog) nelle prime sette. A livello individuale, convincente vittoria per Silvia Weissteiner. File allegati:
- I RISULTATI DI TUTTE LE GARE
- Le foto delle gare



Condividi con
Seguici su: