Cross: Feltre e Milano staffette tricolori

20 Febbraio 2016

A Gubbio gli uomini dell'Ana Atletica Feltre e le ragazze del Cus Pro Patria Milano vincono il titolo italiano di staffetta. Domani in palio 21 titoli. 


 

Il Teatro Romano di Gubbio ha deciso i primi campioni Italiani. La Festa del Cross, nel pomeriggio di oggi sabato 20 febbraio, ha assegnato infatti i titoli Tricolori di staffette (2km+2+3+3) che per il 2016 vanno ad arricchire le bacheche di Ana Atletica Feltre al maschile e CUS Pro Patria Milano fra le donne. I veneti conquistano al vittoria in 32:34 grazie a Edgar Costa, Alberto Dal Sasso, Federico Polesana e Lucio Sacchet, un quartetto che riesce ad avere la meglio dell’Atletica Alta Valseriana (32:55, Andrea Bellini, Luca Beggiato, Iacopo Brasi e Ahmed Ouhda) e della Trieste Atletica (33:01, Federico Zamo, Jacopo De Marchi, Elia Bugatto e Andrea Seppi). Fra le donne domina invece il CUS Pro Patria Milano (37:59) di Bianca Seregni, Carlotta Missaglia, dell'azzurrina Nicole Reina e di Elisa Cova. Seconde sono le ragazze della Lazio Atletica Leggera (38:07, nell'ordina Beatrice Mallozzi, Silvia Salera, Lucia Mitidieri e Eleonora Bonanni) davanti all'Acsi Italia Atletica (39:22, Erika Fabiani, Elena Lacatusu, Marta Castelli e Sara Carnicelli). In attesa della seconda giornata di gare, tutti le staffette verranno premiate alle 18.30 durante la cerimonia d’apertura in Piazza Grande. 

Domani, a partire dalle 10.00, saranno in palio i restanti titoli Tricolore, 23 in tutto: oltre ai 2 assegnati oggi domani si gareggia per gli 8 individuali (assoluti, promesse, juniores, allievi e cadetti), gli 8 a squadre e i 5 dedicati ai portacolori delle 21 rappresentative regionali cadetti (2 individuali e 3 per regioni, compresa la combinata). In campo complessivamente ci saranno 2031 atleti (1196 uomini e 835 donne) in rappresentanza di 286 società di tutta Italia, fra cui anche diversi big azzurri come il campione europeo di maratona Daniele Meucci (Esercito), il maratoneta Stefano La Rosa (Carabinieri), l'oro europeo junior di cross Yeman Crippa (Fiamme Oro), il bronzo europeo indoor dei 1500 Federica Del Buono (Forestale) e Veronica Inglese (Esercito).

Domani diretta streaming suhttp://fidal.idealweb.tv e poi in tv su RaiSport 1 dalle ore 12.45 alle 14.50. 

ISCRITTI/Entries - RISULTATI/Results - FOTO/PhotosIl percorso di Gubbio - ORARIO/Timetable

TV – domenica 21 febbraio in diretta su RaiSport 1 dalle ore 12.45 alle 14.50.

DIRETTA STREAMING - Sarà possibile seguire la manifestazione domenica 21 febbraio dalle ore 10.00 in diretta streaming su http://fidal.idealweb.tv.

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it 

IL RACCONTO DELLE GARE

STAFFETTA MASCHILE - Lo scenario è quello del Teatro Romano con alle spalle lo splendido centro storico di Gubbio reso ancora più suggestivo dalla bella giornata di sole. La Festa del Cross inizia poco dopo le 14, quando scendono i campo le 30 staffette maschili alla caccia di un piazzamento sul podio delle staffette. La formula prevede un allievo in prima frazione a correre 2 chilometri, seguito da juniores/allievi (2 km), promesse/juniores (3km) e seniores/promesse/juniores (3km). Allo sparo si fa vedere subito il primatista italiano allievi indoor dei 1000 Simone Barontini, in campo per la Stamura Ancona, incalzato però da Edgar Costa dell’Ana Atletica Feltre. Dopo il primo giro spalla a spalla il marchigiano dà una sferzata decisa al ritmo: al momento del primo cambio ha guadagnato una manciata di secondi su Feltre, Atletica Bergamo Creberg (in campo con Abdelhakim Elliasmine), E. Servizi Futura Roma, Vittorio Alfieri Asti, Atletica Alta Valseriana, Cus Pro Patria Milano e Biotekna Marcon. Nella seconda frazione c’è prima il recupero e poi la fuga di Diego Boraschi, della Futura Roma. Ora i capitolini guidano, Alberto Dal Sasso difende la seconda posizione dei feltrini mentre i marchigiani della Stamura scivolano al quarto posto, superati anche dai bergamaschi.

Feltre mette la freccia con Federico Polesana: al terzo cambio ha dieci secondi di vantaggio su Jacopo Brasi, dell’Atletica Valseriana in grande rimonta. La frazione più veloce è però quella di Lukas Maniika che porta il San Rocchino in zona podio a lottare con Roma, Ancona, Bergamo e Trieste. Lucio Sacchet, nei chilometri che chiudono la staffetta, allunga con decisione, regalando all’Ana Atletica Feltre una vittoria a braccia alzate in 32:34. Per il podio la lotta è molto più serrata: a 600 metri dal termine, sono ancora in quattro, e alla fine l’argento va in Val Seriana (32:55) che riesce a difendersi dal rientro di Trieste (al traguardo in 33:01 con Andrea Seppi), con Bergamo stabile in quarta posizione (33:05). Quinti sono i ragazzi del San Rocchino (33:11) che hanno la meglio della E. Servizi Futura Roma (33:22). Abdelmjid El Derraz è senza dubbio il migliore dell’ultima frazione (10:27, venti secondi più veloce di Sacchet) ma non basta alla Vittorio Alfieri ad andare oltre  la decima posizione. La Toscana Atletica, in campo con un quartetto da podio, viene squalificata dopo due frazioni: il primo cambio non è regolare perché manca il contatto tra Lapo Gambassi e Albert Chemutai.

STAFFETTA FEMMINILE - La formula (2km+2+3+3) è la stessa anche per le donne. Al via scatta in testa un gruppetto composto dalle portacolori di Lazio Atletica, Libertas Arcs Perugia, ACSI Italia Atletica, Atletica Canavesana e Cus Pro Patria Milano, tutte strette in pochi secondi. E’ però il Lazio a cambiare per primo, con una decina di secondi di vantaggio sulle perugine e sull’Acsi. Le romane guadagnano metri prima con Beatrice Mallozzi poi con Silvia Salera, che al secondo cambio ha una ventina di secondi di margine sull’ACSI e mezzo minuto sulla Canavesana. La terza frazione ribalta la classifica, perché entra in campo Nicole Svetlana Reina. L’azzurrina del cross e delle siepi fa terra bruciata intorno a sé, correndo quasi un minuto più veloce delle avversarie e portando le maglia biancoblù al terzo cambio, quello con Elisa Cova, con venti secondi di vantaggio sulla Lazio Atletica e quasi un minuto sull’ACSI. Eleonora Bonanni prova a recuperare, ma riesce solo ad accorciare il distacco. Il CUS Pro Patria Milano, dopo l’oro del 2014 e l’argento del 2015, torna dunque sul gradino più alto del podio della staffetta femminile della Festa del Cross (37:59) davanti a Lazio Atletica (38:07) e ACSI Italia Atletica (39:22).

a.c.s.

Festa del Cross 2016
Gubbio (PG)
ORARIO/Timetable

Domenica 21 febbraio
10.00 Cadette (2 km)
10.15 Cadetti (2,5 km)
10.35 Allieve (4 km)
11.05 Allievi (5 km)
11.35 Juniores Uomini (8 km)
12.25 Seniores-Promesse Donne (8 km)
13.15 Seniores-Promesse Uomini (10 km)
14.05 Juniores Donne (6 km)

File allegati:
- Il sito della manifestazione

(foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: