Crippa sul miglio aspettando Ostrava

03 Settembre 2020

Sabato sera a San Donato Milanese l’azzurro prova ad avvicinare il record di Genny Di Napoli (3:51.96), tre giorni prima del 5000 in Repubblica Ceca: “Corro con la mente libera”

 

di Luca Cassai

Riprende la corsa di Yeman Crippa. L’azzurro è pronto a tornare in pista, sabato 5 settembre, sul miglio a San Donato Milanese per un altro test nel mezzofondo veloce. Dopo lo stop nei 5000 di metà agosto a Montecarlo, con il ritiro a poco più di tre giri dall’arrivo, e un nuovo periodo di preparazione in quota a Livigno, il 23enne delle Fiamme Oro va alla ricerca di un crono di valore. Nello stesso impianto, alle porte di Milano, dove Gennaro Di Napoli firmò il record italiano di 3:51.96, tuttora imbattuto da quel 30 maggio 1992. Sarà una giornata interamente dedicata alla classica gara anglosassone dei 1609,34 metri, con il clou alle ore 20.40. E per il trentino, primatista nazionale dei 10.000, l’occasione di confermare i notevoli progressi sulle distanze più brevi a un mese dal 3:35.26 nei 1500 di Rovereto, miglior crono di un azzurro dal 1996 e quarto di sempre. Tre giorni più tardi, martedì 8 a Ostrava in Repubblica Ceca, il due volte bronzo europeo (10.000 e cross) sarà invece al via nei 5000 per mettere ancora nel mirino il record di Salvatore Antibo, già sfiorato nella scorsa stagione.

CRIPPA: “GUARDO AVANTI” - “Mi presento in gara con la mente libera - spiega Crippa - e la convinzione di aver lavorato molto bene nelle ultime settimane. A Montecarlo fin dall’inizio faticavo a respirare. Probabilmente per essere sceso dall’altura solo il giorno prima, oltre che per il lungo viaggio in auto, che forse si è fatto sentire. E mi sono fermato soltanto perché non stavo bene. Non per aver fatto i conti sulla tabella di marcia del primato italiano, anche se il ritmo non era quello che avrei voluto, con un gruppo di testa che viaggiava verso il record del mondo mentre alle spalle c’era un’andatura meno rapida del previsto. Ho dato una delusione alle persone che tifavano per me, anche lì allo stadio, e mi dispiace. In due mesi di lavoro, l’unica giornata storta è arrivata proprio quando non doveva. Ma ho ripreso subito a correre bene e sono arrivate ottime risposte dalle ultime sedute, in cui mi sono espresso intorno ai miei migliori tempi in allenamento. La condizione c’è, ora guardo avanti”.

“PER CORRERE FORTE” - “Stavolta abbiamo deciso, con il coach Massimo Pegoretti, di anticipare la discesa e quindi sono rientrato a Trento venerdì, otto giorni prima del miglio, anche in vista dei 5000 di Ostrava. E in base all’esperienza precedente, con la gara di Rovereto che è andata bene una settimana dopo l’altura. Proverò a ripetere quella serata, passando al massimo in 3:36 per poi chiudere il più forte possibile”. Tra gli ospiti della manifestazione è annunciato “Genny” Di Napoli, anche per ricordare il trentesimo anniversario del suo primato italiano nei 1500 metri (3:32.78 a Rieti, il 9 settembre del 1990) oltre che per applaudire il tentativo di Yeman. “Non penso al record a tutti i costi - prosegue l’azzurro - ma sicuramente voglio andare forte. Ci saranno due lepri, Lorenzo Pilati fino ai 600 e l’esperto polacco Adam Czerwinski fino all’inizio dell’ultimo giro. Devo ringraziare chi ha voluto questa gara, in particolare Matteo Vecchia, cercando di allestirla al meglio”. Attesi alla partenza avversari di livello internazionale, come gli australiani Ryan Gregson (3:31.06 di personale, nono ai Giochi di Rio) e Matthew Ramsden (3:35.85). Poi gli abituali compagni di allenamento di Crippa: il finalista europeo dei 1500 metri Mohad Abdikadar (Aeronautica), il tricolore indoor Yassin Bouih (Fiamme Gialle) e l’albanese David Nikolli (Atl. Cento Torri Pavia).

TANTI AZZURRI - Sulla nuova pista del centro sportivo intitolato a Enrico Mattei, saranno decisamente partecipate le gare del 30° Miglio Ambrosiano. In azione molti dei migliori azzurri a cominciare dall’altro finalista continentale Joao Bussotti (Esercito), poi il bronzo europeo dei 3000 siepi Yohanes Chiappinelli (Carabinieri) con i gemelli Osama Zoghlami (Aeronautica) e Ala Zoghlami (Fiamme Oro), ma anche il ventenne Pietro Arese (Safatletica Piemonte). Tra le donne alle 20.30 si sfideranno le siepiste Martina Merlo (Aeronautica), Francesca Bertoni (Aeronautica) al rientro agonistico e Ludovica Cavalli (Bracco Atletica), la tricolore dei 3000 indoor Elisa Bortoli (Esercito) e la pluricampionessa italiana Giulia Aprile (Esercito), Micol Majori (Pro Sesto Atletica), Martina Tozzi (Fiamme Gialle) ed Elisa Palmero (Esercito), quindi Nicole Reina (Cus Pro Patria Milano), Silvia Oggioni (Pro Sesto) e la compagna di club Chiara Spagnoli. Inizio alle 15.45 con le prove giovanili nell’evento organizzato da Atletica Ambrosiana e Don Kenya Run, prima delle tre tappe del Club del Miglio, poi dalle 16.55 le gare assolute e master.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ISCRITTI/Entries


Condividi con
Seguici su: