Buon esordio sulla mezza per Daniele Meucci




 
Incredibile Moses Mosop al Giro al Sas di Trento edizione 2008. Gianni Demadonna lo aveva anticipato in conferenza stampa: il suo ex atleta era in grande forma e soprattutto non era logoro dopo una lunga stagione. Mosop ha rotto gli indugi al terzo giro e solo l'argento a Pechino in maratona Jaouad Gharib ha resistito al suo attacco. Dietro tutti sono stati messi subito alle corde da un ritmo indiavolato che si aggirava sul piede dei 2:53 al giro. Dietro a Mosop e Gharib restava a bagno maria l'altro keniota David Toniok mentre un gruppetto era condotto da Andrea Lalli in coppia con il compagno di società De Nard, con loro anche il keniano Sigei. Stefano Baldini, messo in difficoltà dal ritmo sostenutissimo della gara veleggiava attorno alle settima posizione. Mosop non dava cenni di cedimento e nell'ultima tornata con un parziale di 2:38 si involava verso il traguardo siglando il nuovo record del percorso (quello classico) con il tempo di 28:29. Secondo chiudeva Gharib che scacciava così anche i fantasmi di 2 anni fa, quando corse in maniera rinunciataria. Terzo Toniok e quarto uno splendido Andrea Lalli, primo degli azzurri, seguito da De Nard, in grande forma e Baldini, sesto al traguardo.

Tante le maratonine della domenica e tanti riferimenti italiani interessanti pur nel solito dominio generale kenyano. Il protagonista è indubbiamente Daniele Meucci che vincendo la mezza maratona di Pisa con 1h03:20 stabilisce la miglior prestazione italiana stagionale al suo esordio sulla distanza, schiantando il kenyano Julius Kirwa Choge vincitore la settimana prima della Lake Garda Marathon staccandolo di 1:58, terzo Pasquale Rutigliano a 3:27. La gara femminile va a Claudia Dardini in 1h17:11. A Ciriè in Piemonte quasi 550 gli atleti al traguardo, primo è Luca Cerva (Lib.Forno) con 1h12:41 davanti a Silvio La Rocca (Runner Team 99) staccato di 49 secondi e Igor Martello (Lib.Forno) a 1:58. Fra le donne trionfa Sara Ferroglia (Runner Team) con 1h24:19 con 22 secondi su Daniela Scutti (Gs Roata Chiusani) e 1:55 su Emanuela Piolatto (Atl.Est).

La Maratonina dei Borghi di Pordenone fa registrare la tripletta kenyana con vittoria per Eric Kipkemei Chirchir (Atl.Virtus Lucca) in 1h02:26 su Elija Meli, stesso tempo e Abraham Talam (Grottini Team) a 17 secondi. Primo italiano Franco Plesnicar (Mario Tosi Tarvisio) decimo a 7:41. Fra le donne vince Mercy Kibarus, autentica collezionista di successi sulla distanza in questa fase della stagione, in 1h13:37, seconda Laura Giordano (Ind.Conegliano) a 24 secondi, terza la campionessa europea di corsa in montagna Elisa Desco (Atl.Valle Brembana) a 1:02.

Grandi numeri di partecipazione alla Corripavia: vince il sempre più sorprendente specialista della corsa in montagna Bernard Dematteis (Pod.Valle Varaita) con 1h06:32 davanti al kenyano Robert Surum a 1:21 e Pietro Colnaghi (Gsa Corno Marco) a 2:15. Successo di Ornella Ferrara (Pbm Bovisio Masciago) fra le donne in 1h16:01 davanti a Elena Bagnus (Pod.Valle Varaita) a 6:22. Restiamo in Lombardia: la 5 Castelli di Bedizzole viene vinta da John Kipsiele Rotich (Pol.Lib.Catania) in 1h05:42 davanti a Henry Rutto Kiplagat (Running Club Futura) a soli 13 secondi e al marocchino della Pod.Tranese Hicham El Barouki a 28 secondi. La prova delle donne va ad Asha Tonolini (Atl.Rebo Gussago) in 1h22:25 davanti a Barbara Castellaneta (Gp Felter) 1:19, terza Monica Baccanelli (Europa Sporting Club) a 1:35.

Nella foto: Daniele Meucci (archivio Fidal)




Condividi con
Seguici su: