Birmingham: Diamond League verso le finali

16 Agosto 2018

Sabato 18 agosto, nella dodicesima tappa del circuito internazionale, attesi più di 40 atleti saliti sul podio agli Europei di Berlino, con 30 medaglie iridate e olimpiche. Diretta TV Sky Sport Uno e Arena (ore 15-17)


 

di Marco Buccellato

Un pomeriggio di atletica stellare, sabato 18 agosto, all'Alexander Stadium di Birmingham dove per il dodicesimo meeting della IAAF Diamond League 2018, ultimo step prima della doppia finale di Zurigo e Bruxelles (30 e 31 agosto), si ritroveranno oltre quaranta atleti saliti sul podio ai Campionati Europei di Berlino (tra cui 19 medaglie d'oro) e 30 titolati di una medaglia iridata o olimpica. Tra le sfide di maggior interesse, quelle dello sprint con gli statunitensi Noah Lyles e Christian Coleman sui 100 uomini contro l'oro continentale Zharnel Hughes, e i 200 donne con la tre volte campionessa d'Europa Dina Asher-Smith e l'argento Dafne Schippers in un confronto dai caratteri sensazionali con l'olimpionica dei 400 metri Shaunae Miller-Uibo. Altri big presenti sono la greca Katerina Stefanidi nell'asta e il sudafricano Luvo Manyonga nel lungo. Duello mozzafiato tra Conseslus Kipruto e Soufiane El Bakkali sui 3000 siepi, con Sifan Hassan sui 1500 femminili. Nel salto in alto non sarà in gara Gianmarco Tamberi, che era iscritto ma ha dovuto rinunciare per un virus intestinale a poche ore dalla partenza. L'azzurro dovrebbe tornare in azione giovedì 23 agosto al meeting di Rovereto, proseguendo con gli appuntamenti di Eberstadt e Bruxelles (26 e 31 agosto).

LYLES vs COLEMAN vs HUGHES, ASHER-SMITH CONTRO TUTTE - Altissima velocità: sui 100 maschili ben 14 dei 16 iscritti (batterie e finale) vantano un personale inferiore ai 10 secondi. Il tema portante, tra i due sprinter USA Noah Lyles e Christian Coleman contro il campione europeo Zharnel Hughes, non è così scontato, alla luce delle presenze di assi quali l'altro americano Rodgers, l'argento europeo Prescod, il sudafricano Simbine e il sempre temibile Yohan Blake. Altrettanto entusiasmante, se non di più, il confronto sui 200 donne tra Dina Asher-Smith (21.89 a Berlino) e Shaunae Miller-Uibo, ancora con Dafne Schippers a caccia di riscatto, la dominatrice dello sprint breve Ta Lou, le coppie USA, Thomas-Prandini, e di Giamaica, con Jackson e Fraser-Pryce. In pericolo il record del meeting di Sanya Richards (22.25). L'arcobaleno dello sprint offre anche i 400 uomini con il campione d'Europa Hudson-Smith, il vicecampione mondiale di staffetta Fred Kerley e il connazionale USA Dedewo, oltre a Christian Taylor nell'ennesima escursione fuori dal salto triplo e i botswaniani Makwala e Thebe.

MEZZOFONDO CON I BIG - Sfida di grande richiamo sui 3000 siepi con l'ennesimo confronto tra Conseslus Kipruto e Soufiane El Bakkali, unico atleta capace di scendere sotto gli 8 minuti quest'anno nell'incredibile notte di Montecarlo. Terzo incomodo, l'altro keniano Benjamin Kigen. Altro piatto forte del pomeriggio inglese, gli 800 uomini presentano il leader mondiale stagionale Emmanuel Korir star di un doppio giro dove, oltre al campione europeo Kszczot, si presentano dimezzando le usuali distanze dei 1500 l'argento europeo Lewandowski e il campione del mondo Manangoi, entrambi fior d'ottocentisti. La campionessa europea dei 5000 metri Sifan Hassan sarà al via dei 1500 in cui mancherà il previsto duello con Caster Semenya, che ha annunciato il forfait. Tre gare ancora nelle corse prolungate: i 1000 metri con la scozzese Laura Muir all'assalto del record britannico all'aperto di Kelly Holmes (2:32.55), dopo aver già migliorato quello indoor proprio a Birmingham nell'inverno 2017 in 2:31.93, record d'Europa. Infine i 3000 donne con la keniana Hellen Obiri e la tedesca Klosterhalfen, e il miglio maschile.

SALTI E LANCI, ALLARME MISURE - L'Europeo si è congedato con una leggendaria gara di asta maschile, ma il settore potrebbe riservare ancora risultati a sensazione. Tutto il podio femminile berlinese, Stefanidi, Kiriakopoulou e Bradshaw-Bleasdale, è sfidato dal duo USA Morris-Nageotte, dalla primatista oceanica McCartney, dalla cubana Silva e dalle record-women di Francia, Guillon-Romarin, e di Svezia, Bengtsson. Nel lungo, con gara d'addio del pluridecorato Greg Rutherford, Luvo Manyonga cerca il riscatto dopo la sconfitta ai campionati africani e mira anche al record del meeting (8,45) contro l'oro continentale Tentoglou. Anche il lungo donne garantisce spettacolo, con tutte le quattro big inglesi, Proctor, Ugen, Sawyers e Johnson-Thompson, per la sfida alla campionessa d'Europa Mihambo e a Caterine Ibarguen. Infine i lanci: il trittico del podio europeo del giavellotto, Rohler, Hofmann e Kirt, si ritrova in pedana assieme al quarto della finale europea, il polacco Krukowski. La neo-campionessa d'Europa del peso Paulina Guba offre la rivincita immediata alla tedesca Schwanitz, battuta a Berlino, con la statunitense Carter big di contorno. Sulla pedana dell'alto non ci sarà il primatista italiano Gianmarco Tamberi, che non è partito alla volta della città britannica a causa di un virus intestinale. In gara il tedesco Mateusz Przybylko, successore dell'azzurro nell'albo d'oro dei campioni d'Europa.

OSTACOLI, SFIDE GLOBALI - Tanta Europa nei tre eventi in programma, soprattutto sugli ostacoli alti. Batterie e finale per Pascal Martinot-Lagarde, l'oro europeo più sofferto della manifestazione e ottenuto per due millesimi, alle prese con il bronzo di Berlino (e argento olimpico) Ortega e molti dei finalisti continentali (Baji, Pozzi, Czykier) e soprattutto con il giamaicano Levy. I 100hs ripropongono la coppia tedesca Dutkiewicz-Roleder. Sui 400hs donne la campionessa europea Lea Sprunger sfidata dalle statunitensi Little e Moline e dalla giamaicana Russell.

TV - Sabato 18 agosto in diretta su Sky Sport Uno (canale 201 Sky) e Sky Sport Arena (canale 204 Sky) dalle ore 15.00 alle 17.00.

La stagione della IAAF Diamond League 2018 per discipline
Le Diamond Races per meeting

IL SITO DELLA IAAF DIAMOND LEAGUE

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ENTRY LISTS/ORARIO


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate