Besana-Iapichino, il duello infiamma Agropoli

23 Giugno 2019

La lombarda vince la super sfida con Larissa nei 100hs ai Tricolori Allievi, conferma Benati sui 400 nonostante un crampo, Sow e Brugnolo si superano nel triplo


 

di Luca Cassai - interviste video di Anna Chiara Spigarolo

Sfide appassionanti e ancora risultati al top nella giornata finale dei Campionati italiani allievi ad Agropoli (Salerno). Nei 100 ostacoli Veronica Besana (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) si conferma in 13.49 (+0.4), miglior crono europeo under 18 dell’anno, al termine di uno splendido duello con Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon) che cresce anche in questa gara con 13.55 malgrado un errore alla prima barriera, affrontata con la gamba sbagliata, dopo il clamoroso 6,64 di ieri nel lungo. Sui 400 metri Lorenzo Benati (Atl. Roma Acquacetosa) replica il titolo tricolore, con qualche brivido. Il campione europeo di categoria rallenta sull’ultimo rettilineo per un risentimento muscolare, ma riesce a mantenere il primo posto in 48.97. Si viaggia forte anche sui 110 ostacoli con Samuele Maffezzoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) che sorprende Lorenzo Simonelli (Esercito Sport & Giovani), 13.57 ventoso (+2.7) contro 13.61. Botta e risposta nel triplo: all’ultimo salto Mame Diarra Sow (Bergamo Stars) agguanta la vittoria a 13,05 (-0.1) davanti alla campionessa dell’eptathlon Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) che l’aveva superata con 12,93 (+1.4), terza e sesta italiana di sempre tra le allieve. Al maschile il 16enne Federico Morseletto (Studentesca Rieti Milardi) si porta a 15,22 (+1.3). Doppiette nel mezzofondo per la romana Livia Caldarini (Studentesca Rieti Milardi) e per il triestino Niccolò Galimi (Atl. Malignani Libertas Udine), che conquistano i 1500 dopo le vittorie negli 800 metri di ieri. Fa il bis anche la lanciatrice Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi), al primo anno di categoria, padrona del disco con un altro record personale (41,71) a poche ore dal successo nel peso. Un weekend con oltre 1500 presenze-gara considerando solo le prove individuali, in vista dei prossimi eventi internazionali: il Festival olimpico della gioventù europea (Eyof) che dal 22 al 27 luglio si svolgerà a Baku, in Azerbaigian, ma i migliori potranno essere selezionati per gli Europei under 20 a Boras (Svezia, 18-21 luglio), mentre gli atleti nati nel 2003 avranno come obiettivo anche gli Europei under 18 del 2020 in Italia, a Rieti.

RISULTATI/Results - FOTO/PhotosORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

BESANA BIS, IAPICHINO PB - Emozioni a non finire sulla pista di Agropoli. Le sfide sugli ostacoli lasciano tutti con il fiato sospeso, per chiudere in bellezza la tre giorni tricolore. Si rinnova l’ormai classico duello al femminile tra Veronica Besana e Larissa Iapichino: in un nuovo capitolo avvincente, la portacolori dell’Atletica Lecco Colombo Costruzioni è ancora campionessa con un gran crono, 13.49 (+0.4) nei 100hs ad appena sei centesimi dal tempo della scorsa edizione a Rieti. Ma si può fare il record personale, sfiorando il titolo italiano, se si sbaglia completamente il primo ostacolo? Per Larissa Iapichino anche questo è possibile. La toscana dell’Atletica Firenze Marathon attacca la barriera iniziale con la gamba sinistra, anziché con quella destra, ed è costretta a fare quattro passi verso la successiva, invece di tre. Poi si rimette in assetto e chiude con 13.55 migliorandosi di sette centesimi, terza allieva italiana di sempre. Ora il bilancio dei confronti stagionali è 2-1 per la lombarda, che si era imposta nei 60hs indoor, mentre la figlia d’arte aveva conquistato il Brixia Meeting. Per il terzo posto la 16enne Martina Cuccù (Team Atl. Marche) frantuma il suo primato di tre decimi con 13.69 e fa il suo ingresso nella top ten alltime, in settima posizione.

VIDEO | 100HS: IL DUELLO BESANA-IAPICHINO AD AGROPOLI

VIDEO | VERONICA BESANA E LARISSA IAPICHINO, AMICHE-AVVERSARIE NEI 100HS

400: BENATI CON “SUSPENSE” - Quando il campione europeo under 18 dei 400 metri Lorenzo Benati (Atl. Roma Acquacetosa) sembra avviato verso la conferma del titolo, anche con un buon riscontro cronometrico, succede l’imprevisto. In curva avverte un crampo e prova a gestire la situazione. Poi sul rettilineo finale si tocca la coscia destra e rallenta vistosamente, dà quasi l’impressione di essere costretto a fermarsi, ma stringe i denti e prova a rilanciare la sua azione per non cedere il tricolore. Uno sforzo che viene premiato con la sofferta vittoria in 48.97, quanto basta per mantenere un vantaggio minimo su Edoardo Turci (Fiamme Gialle Simoni, 48.98) e Tommaso Boninti (Atl. Livorno, 49.00). Tra le allieve non parte Zoe Tessarolo (Atl. Vicentina), leader del turno eliminatorio in 56.80. Il titolo va con pieno merito a Laura Elena Rami (Cus Bologna), seconda nella rassegna indoor e oggi protagonista di un bel miglioramento con 56.14, quattro decimi in meno sul crono del Brixia Meeting vinto un mese fa. Un’altra emiliana alle sue spalle, Sara Balordi (Cus Parma, 57.21), davanti ad Alexandra Almici (Atl. Lecco Colombo Costruzioni, 57.25).

VIDEO | AGROPOLI, LA VITTORIA DI LORENZO BENATI NEI 400 METRI

VIDEO | BENATI: "LUCIDO PER GESTIRE I CRAMPI"

110HS NEL VENTO - Non sono da meno gli ostacolisti al maschile. Il campione e recordman dei 60hs indoor Lorenzo Simonelli (Esercito Sport & Giovani) coglie una buona partenza, poi con la gamba di richiamo urta la quarta barriera rimanendo comunque davanti. Nella corsia a fianco però si fa avanti l’ombra minacciosa di Samuele Maffezzoni (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter), già vincitore nei 110hs al meeting di Bressanone, che nell’ultimo tratto affianca e supera l’avversario. Crono da urlo per entrambi: 13.57 e 13.61, non validi per le statistiche a causa del vento oltre il consentito (+2.7), ma resta l’ottima prova di entrambi. Terzo posto, per un soffio, all’altro lombardo Paolo Gosio (Atl. Vallecamonica, 14.04) su Leonardo Porcu (Atl. Oristano, 14.05).

VIDEO | 110HS: MAFFEZZONI CAMPIONE ALLIEVI

VIDEO | AGROPOLI: SAMUELE MAFFEZZONI E LORENZO SIMONELLI DOPO I 110HS

SOW ALL’ULTIMO SALTO - Pedana incandescente anche oggi ad Agropoli, per una spettacolare gara di triplo allieve. Difende il titolo Mame Diarra Sow, finalista europea under 18 nella scorsa stagione, di stanza in Inghilterra con la famiglia da qualche mese. Al secondo tentativo con 12,90 (-1.0) sfiora il recente personale di 12,92 ma all’ultimo turno subisce il sorpasso di Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) atterrata a 12,93 (+1.4). C’è ancora un salto per l’azzurrina della Bergamo Stars che con una reazione d’orgoglio supera per la prima volta i 13 metri: 13,05 (-0.1) e conferma del tricolore, meglio di lei soltanto Cestonaro e Cuneo tra le under 18 italiane. Applausi per tutte, anche per l’incontenibile veneziana che poi completa il suo personalissimo decathlon: nelle prime due giornate la vittoria nell’eptathlon e le qualificazioni del triplo, oggi dopo la finale in pedana si cimenta nell’ultima frazione della 4x400 metri.

VIDEO | TRIPLO, MAME DIARRA SOW 13,05 AD AGROPOLI

VIDEO | SOW: "VOGLIO MIGLIORARMI IN AZZURRO"

VIDEO | GRETA BRUGNOLO: "10 GARE COME IN UN DECATHLON"

MORSELETTO 15+ - La prima volta di Federico Morseletto (Studentesca Rieti Milardi) sopra i 15 metri nel triplo, con una gara tutta in crescendo nei primi quattro salti, come in uno spartito musicale. Il 16enne romano, appassionato musicista che suona il violoncello, oggi al terzo hop-step-jump sfiora di un centimetro il personale atterrando a 14,90 (-0.5), poi lo demolisce con 15,22 (+1.3). Crescono anche Andrea Laconi (Atl. Oristano) con 14,75 (-0.1) all’ultimo ingresso in pedana e Milo Garau (Pontevecchio Bologna), un altro giovane classe 2003, che arriva a 14,62 (+0.6).

VIDEO | FEDERICO MORSELETTO: "LA RINCORSA DEL TRIPLO COME UNA PRIMA SONATA DI BACH"

DALLE PEDANE - Nell’alto è il secondo titolo della stagione per il sardo Massimiliano Luiu (Pol. Libertas Sassari) che piazza il match point con 2,06 al primo tentativo eguagliando il personale. Si migliora due volte il 16enne lombardo Andrea Cesana (Atl. Vedano), salito fino a 2,04, e chiude terzo Alberto Murari (Atl. Adige, 1,99), mentre Davide Lorusso (Futurathletic Team Apulia) è settimo con 1,90 dopo essere entrato in gara da capolista dell’anno (2,10). In una giornata di grandi soddisfazioni per la Studentesca Rieti Milardi, un altro successo arriva dall’asta con la romana Luce Barbi, l’unica che riesce a valicare 3,60 con la terza e ultima prova, invece in tre saltano 3,55: finiscono nell’ordine l’emiliana Giulia Cassanelli (La Fratellanza 1874 Modena) e le marchigiane Ludovica Polini e Nicole Morelli, ambedue della Sport Atletica Fermo. Tre nulli di entrata a 3,35 per la campionessa indoor Linda Donna (Fiamme Gialle Simoni).

VIDEO | MASSIMILIANO LUIU, CAMPIONE DELL'ALTO CON LA PASSIONE DEL BALLO

MEZZOFONDO - C’è ancora Livia Caldarini (Studentesca Rieti Milardi) davanti a tutte sui 1500 metri, come nella scorsa edizione di Rieti e come negli 800 di ieri. La romana di Castel Gandolfo va in fuga, con la sua condotta da “front runner”, poi nel rettilineo finale deve respingere il rientro delle avversarie e vince comunque in 4:36.95. Nel terzetto delle inseguitrici Francesca Dalla Pozza (Atl. Vicentina, 4:37.77) precede Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra, 4:37.82) e Susanna Marsigliani (N. Atl. Fanfulla Lodigiana, 4:37.88). È il giorno delle doppiette nel mezzofondo, perché il triestino Niccolò Galimi (Atl. Malignani Libertas Udine, 3:59.72) riesce a dettare legge anche stavolta: bissato il successo negli 800 metri di Agropoli, oltre che nei 1500 indoor della stagione invernale. Al secondo posto Daniel Rocca (Lagarina Crus Team, 4:01.61), in testa fino all’inizio dell’ultimo giro prima di subire il sorpasso del bicampione italiano, mentre è terzo Nicolò Gallo (Atl. Alba, 4:03.75).

VIDEO | AGROPOLI: DOPPIETTA PER NICCOLÒ GALIMI NEL MEZZOFONDO

VIDEO | LIVIA CALDARINI FA IL BIS NEI 1500 ALLIEVE

DISCO - Alle 20.30 di ieri il titolo nel peso, una notte per riposare e alle 10 di mattina di nuovo in gara nel disco. Il verdetto è sempre lo stesso: secondo tricolore per Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi) che sbaraglia ancora la concorrenza. La romana di Genzano, all’esordio in questa fascia di età, va subito al comando con 39,47 e ci rimane fino al termine, quando a vittoria già in tasca si migliora a 41,71 con oltre un metro di progresso personale. Il secondo posto è saldamente nelle mani di Theorhema Forson (Gs Atl. Rezzato, 39,26 PB) mentre Alessia Pivato (Team Treviso), che si era imposta al Brixia Meeting, chiude terza con 37,17. Al maschile regna l’equilibrio (solo 80 centimetri fra il secondo e il settimo posto) che rende appassionante una gara senza particolari acuti, risolta all’ultimo lancio da Lorenzo Crestani (Atl. Vicentina) con 48,24 nei confronti di Davide Altomare (Atl. Rigoletto, 47,50) e Nathan Fiore (Fiamme Gialle Simoni, 47,31), invece il leader stagionale Ruben Perotti (Centro Atl. Piombino) è quinto a 47,27.

STAFFETTE - Tifo al massimo, come di consueto, per le 4x400 che chiudono la manifestazione. Festeggiano la vittoria gli allievi della Pro Patria Arc Busto Arsizio (Lorenzo Belotti, Andrea Coppini, Matteo Martorella, Paolo Mancinelli) in 3:22.79 e le staffettiste della Bracco Atletica (Elena Ubezio, Alessandra Iezzi, Beatrice Rinaldi, Beatrice Benaglia) con 3:53.75.

DIRETTA STREAMING - Anche quest’anno sarà possibile seguire la manifestazione in diretta video streaming su atletica.tv nelle tre giornate di gare, da venerdì 21 a domenica 23 giugno, per vivere le sfide e le emozioni della rassegna giovanile.

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati italiani allievi di Agropoli seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Instagram: @atleticaitaliana, Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #Allievi2019.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: