Bergamo: Societari under 18 al giro di boa

28 Settembre 2019

Nella prima giornata, la pesista Benedetti si migliora con 16,25. Tra le barriere in gara Larissa Iapichino: 13.74 (+0.5) nei 100hs, domani i 400hs. Al comando Fiamme Gialle Simoni e Studentesca Rieti Milardi.


 

di Cesare Rizzi (FIDAL Lombardia)

Sono le Fiamme Gialle Gaetano Simoni maschili e la Studentesca Rieti Andrea Milardi femminile a chiudere in testa la prima giornata di Bergamo, nella finale A dei Campionati italiani di società allievi. Appena un punto (105 a 104) separa i leader nella classifica degli uomini e l’Atletica Vicentina campione in carica, attualmente seconda, mentre a quota 92 punti è terza la Studentesca Rieti Andrea Milardi. Il club reatino guida invece tra le allieve con 107 punti davanti all’Atletica Lecco Colombo Costruzioni (102) e all’Atletica Vicentina (96).

La stella della rassegna organizzata dall’Atletica Bergamo 1959 Oriocenter è sicuramente Larissa Iapichino (Atl. Firenze Marathon), oro continentale under 20 del lungo, che si disimpegna bene nei 100 ostacoli vincendo la gara in 13.74 (+0.5), a 19 centesimi dal personale, e precede Sandra Milena Ferrari (La Fratellanza 1874), migliorata di quasi tre decimi scendendo a 14.00. “Nel finale di stagione abbiamo lavorato sugli ostacoli - ha detto la campionessa europea - e sono contenta di aver dimostrato continuità e consistenza nelle prestazioni anche sui 100 ostacoli e di aver portato 12 punti alla mia società. Domani correrò i 400 ostacoli... Ma non faccio pronostici su come possa andare!”. L’acuto della prima giornata arriva da Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Andrea Milardi) e dal getto del peso: la tricolore allieve in carica prima cresce con 15,82 e poi con 16,25 sale al secondo posto delle graduatorie italiane under 18 di sempre con l’attrezzo da 3 kg alle spalle soltanto di Sydney Giampietro (17,84).

In un sabato molto gradevole dal punto di vista climatico, doppia vittoria per gli azzurrini della marcia sui 5000 metri su pista: Gabriele Gamba (Atl. Riccardi Milano 1946), oro al Festival olimpico della gioventù europea di Baku, si impone tra gli allievi in 22:25.21, Martina Casiraghi (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter) risolve la prova femminile in 24:36.18. Bella gara di triplo maschile vinta da Federico Morseletto (Studentesca Rieti Andrea Milardi) con 14,75 (+0.4), Mirko Cavenago (Cento Torri Pavia) arriva al PB con 14,57 (+0.5), Daniele Uccheddu (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) è terzo con 14,53 (+0.4). La tricolore assoluta Marta Zenoni celebra le premiazioni dei 1500 metri: al femminile domina da frontrunner Livia Caldarini (Studentesca Rieti Andrea Milardi) in 4:34.34, in campo maschile la corsa è più tattica ed è decisivo l’ultimo giro di Moad Razgani (Atl. Bergamo 1959 Oriocenter, 4:10.42). Il vicecampione italiano allievi dei 400 Edoardo Turci (Fiamme Gialle Simoni) domina il giro di pista in 49.88, al femminile Clarissa Boleso (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) conferma di essere la più in forma con 56.71. Successi ai favoriti nei 2000 siepi: Giovanni Silli (Atl. Malignani Libertas Udine), bronzo all’Eyof, in 6:10.02 e Maddalena Pizzamano (Atl. Firenze Marathon) in 7:26.66.

A proposito di ragazzi in gara a Baku: Alessia Seramondi (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) si testa sui 100 metri piani e regala 12 punti al proprio club, con il personale pareggiato in 12.42 (-1.3). Nelle gare più brevi maschili, successi per Massimo Avitabile (Atl. Vicentina) nei 110 ostacoli (14.39/-0.9, assente Samuele Maffezzoni) e per Angelo Ulisse (Fiamme Gialle Simoni) nei 100 (11.03/-0.7). Le staffette 4x100 vanno all’Atletica Livorno maschile (Federico Garofoli, Tommaso Boninti, Matteo Ciulli e Gabriele Mori) in 42.76 e alle campionesse italiane in carica dell’Atletica Lecco Colombo Costruzioni femminile (Arianna Bellani, Clarissa Boleso, Lisa Galluccio e Alessia Gatti corrono in 48.42 nonostante la corsia uno): entrambe le serie più accreditate sono caratterizzate da un ultimo cambio ricco di colpi di scena.

Confronto serrato nel martello allieve: Cleo Rocchi (Fiamme Gialle Simoni) con 54.89 batte il 54.03 di Raphaelle Mulumba (Studentesca Rieti Andrea Milardi). Poco più di mezzo metro divide anche i due migliori discoboli: 48,69 per Lorenzo Crestani (Atl. Vicentina), 48,11 di Nathan Fiore (Fiamme Gialle Simoni). Con il 61,11 dell’ultima spallata Leonardo Pitò (Studentesca Rieti Andrea Milardi) si prende il giavellotto. L’eptatleta Andrea Chiara Pozzi (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) conquista l’alto allieve con il primato stagionale a 1,63, nel triplo prevale Francesca Orsatti (Cus Parma) con 12.07 (-0.1) e l’asta allievi premia Leonardo Danelutti (Atl. Malignani Libertas Udine) con il PB a 4,10.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results

La premiazione di Larissa Iapichino


Condividi con
Seguici su: