Avis Castel San Pietro negli uomini e Lughesina nelle donne vincono i titoli regionali di cross




 

Nella terza e ultima prova del C.d.S. Regionale di Cross si confermano le formazioni che erano al comando della classifica dopo le prime 2 prove (Formigine e Forlì). Ma, se per l’Avis Castel San Pietro, questa terza prova era poco più che una formalità per vincere il titolo regionale, vista la netta supremazia evidenziata nelle prime 2 prove, nella classifica femminile la lotta per la conquista del primo posto era aperta, con la Lughesina “minacciata” dal Circolo Minerva di Parma, vincitrice della seconda prova e presentatasi in forze anche a Correggio.

Ma veniamo alla classifica maschile: l’Avis Castel San Pietro godeva di un margine di sicurezza nei confronti delle altre formazioni, dopo le prime 2 prove: 707 punti, contro i 503 della Atl. Casone Noceto seconda in classifica. Anche oggi l’Avis Castel San Pietro ha conquistato la prima posizione con 324 punti, contro 287 della Atl. Casone Noceto e a seguire l’Atl. Castenaso Celtic Druid e la Fratellanza 1874 Modena, già al 3° e 4° posto in classifica.

Il conto finale è con l’Avis Castel San Pietro a 1031 punti, l’Atl. Casone Noceto a 790 (241 punti di distacco) e l’Atl. Castenaso Celtic Druid a 701; seguono Fratellanza 1874 Modena, Atl. 85 Faenza e Lughesina.

Per quanto riguarda la classifica femminile è opportuno ritornare a quanto era accaduto nelle prime 2 prove: a Formigine la Lughesina era in testa con 282 punti ed era stata l’unica formazione a coprire tutti i 14 punteggi massimi previsti; al 2° posto era l’Acquadela Bologna con 243 (12) e poi il Circolo Minerva con 236 (10), novità di questi C.d.S. di Cross Masters Donne. A Forlì la formazione di Parma si era presentata più completa e aveva vinto il parziale con 321 punti (14 punteggi), con Lughesina a 306 (14) e Acquadela a 261 (13). In lizza per il podio si poneva anche l’Atl. Reggio, con un parziale di 236 punti e solo 9 punteggi. Nella classifica provvisoria quindi era in testa Lughesina con 588, Circolo Minerva con 557, Acquadela con 504, Atl. Reggio con 432.

Oggi era quindi previsto il tentativo di recupero del Circolo Minerva e forse della Atl. Reggio e in effetti la formazione di Parma vinto la classifica parziale con 316 punti, con Lughesina a 288 e Acquadela a 278, tutte con 14 punteggi; a seguire l’Atl. 85 Faenza, più volte vincitrice del titolo regionale, con 258 (13 punteggi) e l’Atl. Reggio con 221 punti (9 punteggi). Nella classifica finale quindi il Circolo Minerva, riuscendo a recuperare 28 dei 31 punti di svantaggio, è arrivata a soli 3 punti dalla Lughesina, che si è confermata campione regionale di cross masters donne. 2° posto per Circolo Minerva, 3° per Acquadela, che ha conservato un margine di sicurezza sulla temuta Atl. Reggio, mentre l’Atl. 85 Faenza ha recuperato il 5° posto superando l’Atl. Casone Noceto.

Nell’albo d’oro dei C.d.S. Cross Masters Uomini per l’Avis Castel San Pietro è il 5° titolo vinto a partire dal 2010 (negli ultimi 7 anni solo nel 2013 e 2014 il titolo era stato vinto dalla Fratellanza 1874 Modena.

Nel C.d.S. Cross Masters Donne la Lughesina ha vinto il titolo regionale per il 3° anno di seguito. Nel 2014 si era infatti interrotto il predominio regionale della Atl. 85 Faenza, vincitrice per 6 anni di seguito, prima dei quali era stata ancora la Lughesina a vincere il titolo regionale dal 2005 al 2007.

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: