Asta ancora amica: Lazzari argento agli assoluti

18 Febbraio 2018

Dopo l'oro di Zafrani fra le allieve ecco il secondo posto della ragazza di Bastia anche lei allenata da Befani


 

Umbri ancora sul podio ai campionati italiani indoor. Cambia la categoria (da allieve ad assoluta), cambiano le interpreti (da Francesca Zafrani ad Alessandra Lazzari) ma non cambiano la gara (salto con l’asta), la pedana (quella di Ancona) e il coach (Giacomo Befani). Una settimana dopo il trionfo della trevana Zafrani ecco lo splendido argento della bastiola Lazzari anche lei in forza all’Arcs Cus Perugia. Una medaglia per certi versi inaspettata perché l’astista umbra si presentava con la sesta misura grazie al 4.00 metri di primato indoor stabilito il 20 gennaio sulla stessa pedana marchigiana, prestazione che aveva segnalato una ripresa rispetto alle ultime stagioni in cui era rimasta lontano dal 4.25 saltato nella finale dei campionati europei under 23 di Tampere. Ad Ancona, però, Alessandra Lazzari ha dimostrato da subito di essere in palla saltando 3.80 alla prima prova, per poi valicare 3.90 alla terza prova. Ancora impeccabile nel primo tentativo a 4.00 prestazione che l’ha proiettata in zona podio dove però ha avuto la certezza di salire grazie al 4.10 saltato alla terza prova (misura che è valso anche il primato indoor). La Lazzari ha provato poi per due volte i 4.15 rinunciando poi all’ultimo tentativo. Nella stessa gara, dopo l’oro di domenica scorsa che è valso anche la convocazione nel triangolare indoor under 20, Francesca Zafrani ha confermato il suo valore superando i 3.80  al secondo tentativo e fallendo poi per tre volte i 3.90 che avrebbero rappresentanto il primato personale (per lei decimo posto finale).

Una conferma che l’asta sia la disciplina dove arrivano i risultati migliori è arrivata dalla gara maschile dove Eugenio Ceban (Libertas Orvieto), seguito anche da lui da Befani questa volta in coppia con Alessio Stocchetti, ha conquistato uno splendido sesto posto superando quota 5.00 (primato indoor a 5 centimetri dal primato personale all’aperto).

Dopo l’argento conquistato fra le promesse Eleonora Schertel (Arcs Cus Perugia) è rimasta lontano dai suoi livelli valicando l’asticella a 1.70 (aveva saltato 1.78 in occasione del campionato di categoria) che è valso il decimo posto. Niente finale e sedicesima piazza, invece, per la compagna di squadra Elena Ricci nei 60 ostacoli corsi in 8”89 (8”75 il suo personale in sala che risale al 2017). E’ rimasto fuori dalle semifinali con il ventunesimo crono Giovanni Tomasicchio (Libertas Orvieto) che ha corso i 60 metri in 6”95.



Condividi con
Seguici su: