Assoluti indoor 2019: le sfide maschili

13 Febbraio 2019

Ad Ancona (15-17 febbraio), oltre all’alto con Tamberi, attesi Donato nel triplo, Perini nei 60hs, Fabbri nel peso e il confronto tra azzurri nei 400 metri


 

di Luca Cassai

In arrivo ad Ancona il weekend dei Campionati Italiani Assoluti indoor, da venerdì 15 a domenica 17 febbraio. Per le nozze d’oro della rassegna tricolore, arrivata alla cinquantesima edizione, l’anteprima sarà interamente riservata al salto in alto che dalle ore 19.00 vedrà in pedana Gianmarco Tamberi (Fiamme Gialle). Ma anche nelle due successive giornate sono attesi tanti azzurri in gara a cominciare dal triplo con il nuovo test di Fabrizio Donato (Fiamme Gialle), argento agli ultimi Europei in sala. Nel peso da tenere d’occhio i progressi del 21enne Leonardo Fabbri (Aeronautica), che quest’anno ha già lanciato a 20,20. La sfida dei 400 metri si preannuncia molto combattuta, con Michele Tricca (Fiamme Gialle) e il tricolore in carica Vladimir Aceti (Fiamme Gialle) a guidare un folto gruppo di candidati per la staffetta 4x400 nell’evento continentale. Sui 60 ostacoli al via Lorenzo Perini (Aeronautica), sceso di recente a 7.66 per un netto miglioramento. Nel mezzofondo proveranno a ripetersi Yassin Bouih (Fiamme Gialle, 1500-3000) e Simone Barontini (Sef Stamura Ancona, 800 metri), invece sui 60 metri esordio stagionale per il campione uscente Michael Tumi (Fiamme Oro), mentre nel lungo non ci sarà Marcell Jacobs (Fiamme Oro).

ISCRITTI/Entries - ORARIO/Timetable - TUTTE LE NOTIZIE/News

TV E STREAMING - Diretta tv su RaiSport per i Campionati Italiani Assoluti indoor di Ancona, sabato 16 febbraio (ore 15.50-17.55) e domenica 17 febbraio (ore 16.30-17.50). Il resto della manifestazione sarà trasmesso in diretta video streaming su atletica.tv.

SOCIAL NETWORK - Partecipate con noi al racconto dei Campionati Italiani Assoluti indoor di Ancona seguendo gli aggiornamenti LIVE attraverso i nostri canali social Instagram: @atleticaitaliana, Twitter: @atleticaitalia e Facebook: www.facebook.com/fidal.it. Sostenete i vostri atleti preferiti, condividete foto e pensieri utilizzando gli hashtag #atletica #indoor2019 #Assoluti2019.

SPRINT - Promette scintille la gara nei 400 metri, che darà anche indicazioni utili per la staffetta azzurra ai prossimi Europei indoor. Quest’anno il piemontese Michele Tricca (Fiamme Gialle) e il brianzolo compagno di club Vladimir Aceti, oro continentale under 20 e tricolore della specialità, sono stati protagonisti di un bel duello al meeting svizzero di Magglingen dove si sono migliorati con 46.59 e 46.63. Ma in tanti proveranno a inserirsi: dai campioni mondiali under 20 della 4x400 metri Edoardo Scotti (Carabinieri), leader nella rassegna nazionale giovanile di inizio febbraio in 47.53 a tre decimi dal record di categoria, e Alessandro Sibilio (Fiamme Gialle), fino a Mattia Casarico (Gs Bernatese), 47.54 alle spalle di Aceti tra gli under 23. Poi altri quattrocentisti azzurri come Giuseppe Leonardi (Carabinieri), Daniele Corsa (Fiamme Oro) e Francesco Cappellin (Aeronautica), tutti pronti a darsi battaglia già dalle batterie. Sul rettilineo è annunciato l’esordio stagionale di Michael Tumi (Fiamme Oro), cinque volte campione dei 60 metri, che non va sui blocchi dalla scorsa vittoriosa edizione degli Assoluti. Nel mezzo due interventi, di cui l’ultimo alla caviglia in settembre, e quindi stavolta il vicentino non avrà particolari ambizioni se non quella di rientrare in pista. Tra gli iscritti il miglior crono 2019 è del sardo Luca Lai (Atl. Cento Torri Pavia), 6.69 nel meeting inaugurale del 5 gennaio ad Ancona, in una schiera di pretendenti che comprende Roberto Rigali (Bergamo Stars), sceso di recente a 6.73, il tricolore promesse Nicholas Artuso (Fiamme Gialle, 6.74) e gli altri under 23 Alex Zlatan (La Fratellanza 1874 Modena) e Wanderson Polanco (Atl. Riccardi Milano 1946).

OSTACOLI - I migliori cinque tempi dell’anno sono tutti di Lorenzo Perini (Aeronautica), che sulla pista francese di Mondeville ha demolito il record personale con 7.66. Adesso il 24enne lombardo è il quinto italiano di sempre nei 60 ostacoli in sala. Da seguire poi il tricolore under 23 Marco Bigoni (Pro Sesto Atletica) e Mattia Montini (Carabinieri) per una rivincita della rassegna giovanile, ma ci sarà anche il debutto stagionale di Ivan Mach di Palmstein (Atl. Riccardi Milano 1946).

Assente invece il campione uscente Hassane Fofana (Fiamme Oro).

MEZZOFONDO - In caccia del tris negli 800 metri l’atleta di casa Simone Barontini. Il ventenne della Sef Stamura Ancona, che da junior ha conquistato gli ultimi due titoli assoluti, prova a confermarsi in una sfida con il tricolore all’aperto Enrico Brazzale (Atl. Vicentina). Nelle liste dell’anno però entrambi sono preceduti da un terzetto che vede al comando Enrico Riccobon (Atl. Brugnera Friulintagli), 1:49.20 al meeting di Stoccolma, Gabriele Aquaro (Team-A Lombardia) e Alessandro Dal Ben (Expandia Atl. Insieme Verona). Anche sulle distanze più lunghe è atteso il dominatore delle edizioni più recenti: l’emiliano Yassin Bouih (Fiamme Gialle) viene da un duplice successo consecutivo ed è tornato in pista con 3:44.75 nei 1500 metri di Val-de-Reuil, in Francia, dopo essere rimasto ai box nella scorsa estate. Le maggiori insidie potrebbero arrivare da Mohad Abdikadar (Aeronautica), finalista agli Europei di Berlino, senza trascurare Mattia Padovani (Atl. Lecco Colombo Costruzioni), Ossama Meslek (Atl. Vicentina) e sui 3000 metri anche il tricolore delle siepi Leonardo Feletto (Atl. Mogliano).

MARCIA - Con il campione in carica Francesco Fortunato (Fiamme Gialle), che ha fatto tripletta nelle scorse stagioni e punta quindi al poker, l’uomo di vertice sui 5000 di marcia è l’altro pugliese Massimo Stano (Fiamme Oro), a un soffio dal podio europeo con il quarto posto nella 20 km di Berlino per un solo secondo. A completare il gruppo di compagni di allenamento, al via anche il cinquantista azzurro Andrea Agrusti (Fiamme Gialle).

SALTI - Dopo il notevole ritorno di venerdì con 8,05 a Madrid, il lunghista Marcell Jacobs (Fiamme Oro) ha preferito rinunciare per un risentimento infiammatorio del ginocchio sinistro. In pedana ad Ancona gli altri ottometristi azzurri Kevin Ojiaku (Fiamme Gialle) e Filippo Randazzo (Fiamme Gialle) mentre difende il titolo Antonino Trio (Athletic Club 96 Alperia), siciliano che in questa stagione è già atterrato a 7,82. Nel triplo invece il campione in carica è Fabrizio Donato (Fiamme Gialle), argento europeo indoor. L’infinito capitano azzurro, due settimane fa al Palaindoor, ha aperto la stagione con 16,19. Meglio di lui il 21enne emiliano Tobia Bocchi (Carabinieri), 16,45 a nove centimetri dal personale outdoor, ma tra i candidati al podio anche il tricolore all’aperto Fabrizio Schembri (Carabinieri), Simone Forte (Fiamme Gialle) e Daniele Cavazzani (Studentesca Rieti Milardi). Lo show del salto in alto, venerdì sera (ore 19), farà vibrare le tribune per spingere l’anconetano Gianmarco Tamberi (Fiamme Gialle), primatista italiano, ad aggiungere centimetri al 2,27 dello scorso weekend a Banska Bystrica. Nell’asta non ci sarà Claudio Stecchi (Fiamme Gialle), in vista degli Europei indoor di Glasgow e dopo il 5,78 di Stettino (secondo italiano di sempre). Il favorito allora potrebbe essere Alessandro Sinno (Aeronautica), che nel mese di gennaio con 5,55 indoor ha pareggiato il suo miglior risultato in carriera, ma cerca un nuovo miglioramento il ventenne Max Mandusic (Trieste Atletica), due volte 5,30 quest’anno.

PESO - Leonardo Fabbri e i venti metri. Un traguardo già raggiunto nella scorsa estate (20,07 all’aperto) prima del nuovo upgrade di fine gennaio con 20,20 a Vienna, miglior lancio italiano degli ultimi sedici anni. Il 21enne fiorentino dell’Aeronautica ha vinto l’ultima edizione davanti a Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro), ma in questa prima parte di 2019 sono cresciuti anche Lorenzo Del Gatto (Carabinieri) con 18,71 domenica a Padova e il non ancora 23enne Vincenzo D’Agostino (Futurathletic Team Apulia), 17,69 outdoor a Matera.

STAFFETTA - A trentacinque anni dall’ultima volta, torna agli Assoluti indoor la 4x400 di società. Una gara che è stata nel programma tricolore dal 1974 al 1984 e viene nuovamente inserita, per sostituire la 4x200 metri. Otto squadre iscritte, tra cui spiccano le Fiamme Gialle che a Tricca e Aceti potrebbero affiancare il recordman italiano dei 400 all’aperto Matteo Galvan e Davide Re, entrambi iscritti solo in questa prova e non in quella individuale. Nell’Atletica Roma Acquacetosa c’è il 16enne Lorenzo Benati, neoprimatista nazionale under 18 con il 47.74 di sabato scorso alla rassegna allievi.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it


Fabrizio Donato (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: