Assoluti Trieste: Giorgi, è un ritorno vincente!

30 Giugno 2017

La primatista italiana della 20km di marcia torna alle competizioni, dopo Rio e l'operazione al ginocchio, conquistando il titolo e PB nei 10.000 metri (43:56.95). Il racconto e i risultati della prima giornata di gare allo Stadio Grezar.


 

di Alessio Giovannini

Bentornata Eleonora Giorgi. Il primo titolo della giornata di apertura dei Campionati Italiani Assoluti nel rinnovato Stadio Grezar di Trieste va proprio alla primatista nazionale della 20km di marcia. Operata ad un ginocchio a dicembre, non gareggiava dalle Olimpiadi di Rio 2016. Oggi la lombarda delle Fiamme Azzurre ha conquistato la vittoria nei 10.000 metri in pista a suon di primato personale: 43:56.95, 37 secondi meglio del 44:33.56 marciato nel 2013 a Milano. Alle spalle della 27enne bocconiana, bene anche l'altra lombarda già preselezionata per i Mondiali di Londra, Valentina Trapletti (Esercito), seconda in 44:04.94 con oltre 2 minuti di personal best sulla 21enne Nicole Colombi (Atl. Brescia 1950), 46:28.34. Gare purtroppo interrotte a causa di un nubifragio che si è scatenato su Trieste proprio mentre le ultime marciatrici sfilavano sul traguardo. La gara maschile prevista per stasera si disputerà domattina alle 9:30, mentre alle 9:45 le discobole recuperanno il terzo turno di lanci della qualificazione; finale diretta per i lunghisti suddivisi in base agli accrediti sulle due pedane. Diventano così 21 i titoli in palio sabato nel "day 2" della rassegna tricolore che oggi si è inaugurata alla presenza anche del Segretario Generale del CONI Roberto Fabbricini.

GIORGI: "UN PUNTO DI PARTENZA" - "Sono molto emozionata - le prime parole dell'azzurra dopo l'arrivo-, era un anno che mancavo dai campi di gara, dai Giochi di Rio. Ho finito ieri il raduno di Vipiteno e sono felice di aver ricominciato con la vittoria ai campionati Italiani. A livello cronometrico non è un gran risultato, speravo in qualcosa di meglio, però i 6 mesi di stop e l'operazione al ginocchio sono stati davvero duri". Vittoria e primato personale con la convocazione per i Mondiali di Londra già in tasca: è un bel modo per rimettersi in marcia. "Questo è un punto di partenza - aggiunge Eleonora -, un primo passo che mi serve per prendere fiducia e andare avanti. Sono già qualificata per i Mondiali, ma non sono ancora certa di esserci: non voglio partecipare da comparsa, ma per essere protagonista".

RISULTATI/Results - FOTO/Photos - ORARIO/Timetable - I CAMPIONI 2016 - NOTIZIE/News

TV - Diretta su RaiSport:
- venerdì 30 giugno, ore 16:45 - 19:30
- sabato 1 luglio, ore 18:40 - 21:00
- domenica 2 luglio, ore 18:00 - 21:00
Il resto della manifestazione sarà trasmessa in DIRETTA STREAMING su www.atletica.tv

HASHTAG: #Assoluti2017

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

IL RACCONTO della PRIMA GIORNATA 

Alto donne (qualificazione) - Ad 1,80 c'era la quota che apriva le porte della finale. In realtà oggi basta molto di meno e così con 1,71 sono promosse, tra le altre, le azzurre Desirèe Rossit (Fiamme Oro) ed Elena Vallortigara (Carabinieri). Erika Furlani (Fiamme Oro) e Serena Capponcelli le aspettano entrambe domani (ore 18) per la scalata ai piani alti del podio.

Asta uomini (qualificazione) -
Gli otto nomi degli astisti che domani (ore 16) torneranno in pedana con Claudio Stecchi (Fiamme Gialle), Giorgio Piantella (Carabinieri) e Matteo Capello (SAF Atl. Piemonte) si esprimono oggi in un range di misure tra 4,70 e 4,80. Per tutti - compreso Luigi "Gino" Colella (Fiamme Gialle) e l'atleta di casa Max Mandusic (Trieste Atletica) - è finale senza nemmeno arrivare al 4,95 inizialmente richiesto per la qualificazione diretta.

800m uomini (batterie) - Emilio Perco (Assindustria Sport Padova) 1:49.78, Stefano Migliorati (S.Rocchino) 1:50.51 e Mattia Moretti (Carabinieri) sono i tre vincitori delle batterie. Domani alle 19:30 la finale dove sono pronti a battagliare anche Merihun Crespi (Esercito) 1:50.38 ed Enrico Riccobon (Brugnera Friulintagli) 1:50.56.

800m donne (batterie) - La più giovane è anche la più veloce. L'ancora 16enne Eloisa Coiro (Roma Acqua Acetosa), campionessa italiana Allieve, mette in fila tutte in 2:06.74, mancando di un centesimo il personal best. Subito dietro di lei c'è la trentina Irene Baldessari (Esercito) 2:06.77, mentre l'azzurra Yusneysi Santiusti (Assindustria Sport Padova) si limita a vincere la sua batteria in 2:09.07 su Joyce Mattagliano (Esercito) 2:09.31. Niente scaramucce nella seconda batteria con le due under 23 Elonora Vandi (Avis Macerata) 2:08.61 ed Elena Bellò (Fiamme Azzurre) 2:08.76. Domani alle 19:20 si correrà per il titolo.

Giavellotto uomini (qualificazione) - I 65 metri della qualificazione sono un bersaglio facile per l'azzurro Antonio Fent. E così il carabiniere veneto sbriga subito la pratica al primo lancio con 67,69, imitato da Andreas Zaghler (Athletic Club 96 Alperia) 66,10, Giovanni Bellini (Studentesca Milardi Rieti) 65,86 e Giacomo Biserba (Studentesca Milardi Rieti) 65,85. Domani in finale (ore 17:40) occhio alle spallate dei tre big della specialità Roberto Bertolini (Fiamme Oro), Norbert Bonvecchio (Atl. Trento) e Mauro Fraresso (Fiamme Gialle).

Lungo donne (qualificazione) - 6,10 era la misura di qualificazione per la finale di domani alle 17:30 con la capolista Laura Strati. L'unica lunghista ad azzeccarla in pieno è la ventenne Beatrice Fiorese (Atl. Vicentina), 6,10 (+0.1) al secondo salto e "Q" maiuscola per lei. Le stanno dietro Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) 6,08 (+0.9) e Martina Lorenzetto (Bracco Atl.) 6,07 (+0.4).

400m uomini (batterie) - Il fermento che in questa stagione sembra aver ritrovato il giro di pista maschile si vede subito dalle batterie. Il leader del 2017 Davide Re (Fiamme Gialle) tiene sotto controllo la situazione in 47.31, mentre il trentino Marco Lorenzi (Fiamme Gialle), reduce da qualche intoppo fisico, fa il suo esordio outdoor in 46.76: è il miglior tempo di oggi pomeriggio. Lo segue a ruota il pugliese Daniele Corsa (Folgore Brindisi), 46.93 senza spingere fino in fondo. Sotto i 47 secondi scende anche il tricolore junior Vladimir Aceti (Vis Nova Giussano) con un disinvolto 46.97. In finale (domani ore 19:05) ci saranno tutti i migliori iscritti: il siciliano Giuseppe Leonardi (Carabinieri) 47.01, Michele Tricca (Fiamme Gialle) 47.26, Brayan Lopez (Athletic Club 96 Alperia) 47.44 e Roberto Severi (Cus Pro Patria Milano) 47.62. Scintille in vista.

400m donne (batterie) - Le azzurre della 4x400 Maria Enrica Spacca (Carabinieri) con 53.42 (la più veloce di oggi) e Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) con 54.14 non hanno problemi ad aggiudicarsi le rispettive batterie. OK anche la compagna di staffetta Chiara Bazzoni (Esercito) autrice del terzo miglior tempo di giornata, 54.04 dietro il 53.69 della 24enne Giancarla Trevisan (Bracco Atl.). In finale anche la matricola azzurra Raphaela Lukudo (Esercito) 54.15, le promesse Ylenia Vitale (Libertas Friul Palmanova) 54.17 e Alexandra Troiani (Cus Pro Patria Milano) 54.27 e la campionessa junior Rebecca Borga (Riviera del Brenta) 54.44.

Martello donne (qualificazione) - Solo due martelliste vanno oltre i 55 metri richiesti per il passaggio diretto in finale. La piemontese Lucia Prinetti (Fiamme Gialle) 59,17 e la junior Cecilia Desideri (Studentesca Rieti Milardi) 55,03. Domani, ore 16, la finale con la primatista italiana under 23 Sara Fantini (CUS Parma).

100m uomini (batterie) - Il compatto pugliese Luca Antonio Cassano (Firenze Marathon) si destreggia tra le folate di vento e stampa il miglior tempo del primo turno: 10.62 (-1.9). Nel riepilogo dei crono il secondo nome è quello di Jacques Riparelli (Aeronautica) 10.68 (-1.6), mentre in prima batteria il siciliano Gaetano Di Franco (Enterprise Sport & Service) supera 10.74 a 10.82 (-3.2) il lunghista Marcell Jacobs (Fiamme Oro) all'esordio stagionale come sprinter. Nella terza batteria (vento -3.3) il campione europeo under 23 Giovanni Galbieri (Aeronautica) prevale di un centesimo, 10.81 a 10.82, sul tricolore Promesse Wanderson Polanco (Riccardi Milano). Domani in semifinale occhio alla corsia 3 con l'azzurro Federico Cattaneo (Riccardi Milano), già titolare nei 100 metri ai recenti Europei a squadre di Lille.

100m donne (batterie) - Come da regolamento, il trio delle più veloci del 2017 Audrey Alloh, Anna Bongiorni e Irene Siragusa andrà sui blocchi direttamente domani in semifinale. Leader del primo round, malgrado un muro di vento in faccia (-3.3), è la tricolore Promesse Johanelis Herrera (Atl. Brescia 1950) con 11.99. A segno in batteria anche Jessica Paoletta (Esercito) 12.16 (-3.2), Sabrina Galimberti (Bracco Atl.) 12.00 (-2.1) ed Elisabetta De Andreis (ACSI Italia Atl.) 12.24 (-3.1).

100hs (batterie) - Eolo non è amico delle ostacoliste in batteria, ma concede una tregua alla triestina Nicla Mosetti (Bracco Atletica) che ha la buona sorte di correre con vento nullo (0.0). Non a caso è proprio il 13.77 della ventenne della Bracco Atletica il miglior crono di oggi davanti al 13.82 di un'altra friulana Angelika Wegierska (Malignani Libertas Udine). Nelle altre batterie controvento si fanno strada la campionessa under 23 Luminosa Bogliolo (CUS Genova) 14.13 (-2.1), Sara Balduchelli (Bracco Atl.) 13.93 (-1.8) e Abigail Gyedu (Atl. Brescia 1950) 14.25 (-4.6!). Domani, a partire dalle 16:15, le semifinali in cui entreranno in gioco anche le big Veronica Borsi e Micol Cattaneo. 

 



Condividi con
Seguici su: