Assoluti Milano: Abate KO

27 Luglio 2013

A Milano, brutto infortunio in batteria per il primatista italiano assoluto dei 110hs

 

Milano, seconda giornata dei Campionati Italiani Assoluti con 20 titoli da assegnare. I 110hs perdono uno dei protagonisti annunciati: fuori contro la prima barriera il recordman nazionale Emanuele Abate (Fiamme Oro) che resta a terra con una caviglia dolorante. Per l'azzurro già convocato per i Mondiali di Mosca, si sospetta, purtroppo, un infortunio molto serio al tendine d'Achille. Il più veloce è il suo compagno di club Hassane Fofana, 14.01 (+1.2). Nei 100hs, 13.30 (-0.5) di Micol Cattaneo (Carabinieri) e 13.33 (0.0) della campionessa uscente Marzia Caravelli (Cus Cagliari). Nella mattinata di qualificazioni all'Arena Civica, le batterie dei 100 metri vedono il tricolore uscente Fabio Cerutti e l'altro finanziere Delmas Obou al traguardo in 10.31 (+1.0). Avanti, malgrado una partenza un po' macchinosa, il capolista stagionale Michael Tumi (Fiamme Oro), 10.39. Al femminile, invece, il primo round tra Ilenia Draisci (Esercito) e Audrey Alloh (Fiamme Azzurre) finisce 11.60 a 11.61 (+1.4). Nel giro di pista con barriere, infine, i migliori tempi delle batterie portano i nomi della promessa Davide Piccolo (Virtus Emilsider Bologna) 51.32 e della primatista italiana Yadisleidy Pedroso (CUS Pisa Atl. Cascina) 58.33. Nel Decathlon, intanto, dopo sette fatiche Michele Calvi (SELF Montanari Gruzza) ha ripreso il comando con 5457 punti. 

TV - Sabato 27 e domenica 28 luglio, diretta su RaiSport 2 dalle 18:30 alle 22. 

CONFERMA ISCRIZIONI ON LINE - Importante novità per i prossimi Campionati Italiani Assoluti diMilano dove verrà utilizzato un nuovo sistema di conferma iscrizioni online. Per maggiori informazioni consultare il seguente LINK.

LE SFIDE MASCHILI | FEMMINILI

RISULTATI/Results   TIMETABLE/Orario  FOTO/Photos

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia hashtag #Assoluti2013 | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

IL RACCONTO DELLE GARE [giornata 1]

400hs uomini  (batterie) – Il crono migliore delle tre batterie è quello della promessa Davide Piccolo (S.E.F.

Virtus Emilsider) che vince la seconda in 51.32  davanti al capolista stagionale Leonardo Capotosti (Fiamme Gialle) che controlla nel finale in 52.44. Si qualifica senza forzare anche l’altro under 23 Eusebio Haliti (Pol. Rocco Scotellaro) secondo nella prima batteria in 51.51 dietro ad Aramis Diaz (Riccardi) a 51.34. In finale anche Giacomo Panizza (Fiamme Oro) in 51.56, Lorenzo Veroli (ASD Enterprise Sport & Service, 52.12), Paolo Spezzati (G.A. Bassano, 52.33) e Papisse Fall (Atletica Firenze Marathon, 52.74).

400hs donne (batterie) – Il giro di pista con barriere ospita la bella sfida tra Yadisleidy Pedroso, Manuela Gentili e Jennifer Rockwell. Le tre sono distribuite in batterie diverse: nella prima batteria si impone con facilità Gentili (CUS Palermo) in 58.48  davanti alla soldatessa Francesca Doveri (58.88). E’ poi il turno di Jennifer Rockwell (ACSI Italia Atletica) che si qualifica in 59.67 davanti alla bellunese Elisa Scardanzan (GS Valsugana Trentino) in 1:00.33. Il miglior tempo però è di Yadisleidy Pedroso (CUS Pisa Atletica Cascina) che in 58.33 fa sua la terza batteria. Dopo Anna Laura Marone (Esercito) in 59.36 si qualifica anche la junior Irene Morelli (OSA Saronno Libertas), finalista a Rieti, in 59.58. Appuntamento per la finale domani alle 19:00.

Disco (decathlon) – Missione sorpasso effettuata. Dopo gli ostacoli alti Simone Cairoli (Atl. Lecco Colombo) conduceva con soli 8 punti di vantaggio sul reggiano Michele Calvi (Self Atl. Montanari): il disco regala la leadership a Calvi grazie alla misura di 45,93, che resta a 31 centimetri dal personale e lascia a oltre 13 metri il rivale lecchese, che non ha certo il suo punto di forza nei lanci e si ferma a 32,37. Il reggiano guida ora con 5457 punti, 267 in più rispetto a Cairoli (5190). In terza posizione il milanese della Virtus Lucca Marco Ribolzi, ora a 5092, viene avvicinato da Gianluca Simionato (NA Fanfulla), il quale resta comunque lontano dai propri limiti (38,68) ma si porta a -95 dal podio (4997).

100m uomini (batterie) – In base agli accrediti il favorito è Michael Tumi, ma lo sprinter delle Fiamme Oro stamattina non sembra esprimersi al meglio. La prima batteria lo vede incappare in qualche incertezza allo start per poi prodursi in un lanciato che lo conduce per terzo al traguardo in 10.39 (+1.0), stesso crono di Simone Collio (Fiamme Gialle) che ottiene comunque la qualificazione. Il vicentino chiude alle spalle dei finanzieri Fabio Cerutti (che fa valere il proprio status di campione uscente con il miglior crono di batteria) e Delmas Obou, entrambi al traguardo in un probante 10.31 (+1.0). "Sono partito in contromovimento - le parole di Tumi -, in ogni caso sapevo di non stare benissimo: un fastidio alla schiena ha condizionato gli ultimi giorni di allenamento.

Sto lavorando intensamente per essere al top della condizione ai Mondiali di Mosca”. Jacques Riparelli (Aeronautica) si aggiudica la seconda volata eliminatoria con 10.43 (+1.5) portandosi in scia la novità siciliana Federico Raguni (CUS Palermo/10.47), la promessa Giovanni Galbieri (Atl. Riccardi), stagionale a 10.53, e Federico Cattaneo (Atl. Rovellasca/10.54). Fuori per 2 centesimi, invece, Francesco Basciani (Fiamme Gialle): il suo 10.56 (+1.5) non basta per la finale di stasera alle 20.

100m donne (batterie)
– Il vento, stranamente benevolo, spinge soprattutto la seconda batteria (+1.4) dove Ilenia Draisci (Esercito) precede d’un soffio la campionessa in carica Audrey Alloh (Fiamme Azzurre) 11.60 contro 11.61 (per Alloh è lo stagionale). La promessa Irene Siragusa (Atletica 2005) e la tricolore under 23 Gloria Hooper (Forestale) vincono senza patemi le proprie eliminatorie rispettivamente con 11.79 (-0.7) e 11.78 (+0.3). Entrano pure la junior Silvia Corbucci (CUS Bologna, 11.83/+0.3) e Martina Amidei (Aeronautica) che con 11.73 (+1.4) sigla il suo miglior tempo del 2013. Finale stasera alle 19:55.

100hs (batterie) - Con la primatista italiana Veronica Borsi in tribuna, in pista si profila subito l'annunciata sfida tra la campionessa in carica Marzia Caravelli e Micol Cattaneo. A loro due appartengoono i crono più veloci delle batterie risolte con disinvoltura e con la carabiniera lombarda che si aggiudica il primo round per 13.30 (-0.5) a 13.33 (0.0). In finale, stasera alle 19:30, ci sarà anche Giulia Pennella (Esercito) protagonista del terzo miglior tempo della mattinata, 13.41 (-0.5).  

110hs (batterie) - Brutta sorpresa in terza batteria. Il primatista italiano Emanuele Abate, già convocato per i Mondiali di Mosca, chiude la sua corsa contro il primo ostacolo. L'azzurro delle Fiamme Oro urta la prima barriera e poi finisce a terra stringendosi dolorante la caviglia destra. Il 28enne ligure riferirà poi di aver avvertito una fitta già nella fase d'attacco alla barriera. Il miglior crono della mattinata è quello del suo compagno di club, il tricolore Promesse Hassanne Fofana che fa 14.01 (+1.2) davanti al 14.08 di Stefano Tedesco (Fiamme Gialle) e al 14.13 di Andrea Cocchi (Aeronautica). OK il vicecampione europeo junior Lorenzo Perini (Aeronautica) che sugli ostacoli da 106cm archivia il primo turno in un agevole 14.13 (+1.1), ad appena 9 centesimi dalla sua migliore prestazione di categoria sulle barriere dei "grandi" (14.04 nel 2012). Finale stasera alle 19:20.  
    
110hs (decathlon) - Scatta la rimonta di Michele Calvi. L'atleta della SELF Montanari Gruzza fa valere le sue qualità di ostacolista e con 14.50 contro -1.3 di vento si impossessa del crono più veloce della mattinata. Per lui un bottino di 911 punti che lo riportano subito al secondo posto nella classifica parziale, riducendo a soli 8 punti (4671 contro 4679) il distacco con Simone Cairoli che sulle barriere alte non fa meglio di 15.41. Al terzo posto resta Marco Ribolzi (4585), 15.82 nei 110hs.

a.g.



Condividi con
Seguici su: