Amatrice-Configno, Kemboi in volata

24 Agosto 2013

Il campione mondiale dei 3.000 siepi ha vinto allo sprint la classica su strada sul connazionale Kibor. Ottavo Chatbi, fra le donne terza Giulia Francario

 

Come si poteva prevedere è stato Ezekiel Kemboi, fresco Campione Mondiale dei 3.000 siepi, il vincitore della XXXVI edizione dell'Amatrice-Configno, andata in scena oggi sui classici 8,5 chilometri. Kemboi, due volte oro Olimpico e quattro volte Oro Mondiale dei 3.000 siepi, ha tagliato il traguardo della classica reatina in 24:41, primo di un podio tutto kenyano: secondo è arrivato infatti, staccato di un secondo, Wiliam Kibor (G.P. Parco Alpi Apuane) in 24:42 e terzo Paul Tiongik in 24:49 (Kibor era stato il vincitore dello scorso anno, proprio davanti a Kemboi). Il cambio di ritmo decisivo è arrivato a un paio di chilometri dal traguardo quando Kemboi, alla seconda vittoria dell’Amatrice-Configno in carriera, ha premuto il piede sull’acceleratore portandosi dietro il solo Kibor: poi il testa a testa e la gara decisa dalla volata finale. Il primo italiano è Gabriele Carletti dell’Athletic Terni, quarto con il crono di 24:56. Ottavo l’azzurro e campione italiano nei 10.000 e 3.000 siepi Jamel Chatbi, della Riccardi Milano (26:11). Tra le donne, sul primo gradino del podio sale la kenyana Zeddy Jerop Limo (Atl. Castello) in 28:42. Arriva in 28:58, seconda, la vincitrice dello scorso anno ovvero l’ucraina Viktorya Pohoryelska mentre è terza Giulia Francario, dell’Esercito, che ferma il crono a 29:30. Il Memorial «Run For G» per la categoria amatori, dedicato a Graziella, la moglie dell’organizzatore Bruno D'Alessio scomparsa recentemente, è andato alla reatina Erika Michetti della Studentesca Cariri (quinta assoluta) e a Daniele Troia del Running Club Futura. 



Condividi con
Seguici su: