Altri risultati della prima giornata di Ancona




 

Oltre al titolo di Desalu e al 2° posto di Alessandro Faragona, ci sono stati altri risultati importanti ai Campionati Allievi Juniores Promesse di Ancona.

Negli allievi 4° posto nel triplo per Alexandro Mitirica (Riccione Sessantadue) con 14,23, misura con cui ha letteralmente demolito il suo primato personale che era di 13,66 (Imola 19/9/2010). Il salto di 14,23 è stato ottenuto nella seconda prova e in altri 3 salti Mitirica ha superato il suo vecchio limite personale. Anche in questo caso si tratta della migliore prestazione regionale di un allievo, che supera quella di Michele Beltrandi con 13,99 (Ancona 9/2/2008), che rimane come quella ottenuta di un atleta “italiano”, in quanto Mitirica è di nazionalità rumena. In questa gara anche il 6° posto di Daniele Ragazzi (Francesco Francia) con 13,83, primato personale migliorato di 10 cm.

Nelle allieve 2° posto per Raphaela Lukudo (Mollificio Modenese) nei 60 hs con 8.86. Già in batteria si migliora di 1/100 portando il personale a 8.91, 3° tempo di qualificazione, poi in finale è preceduta solo da Rebecca Palandri che vince nettamente in 8.62. La Lukudo è seconda, migliorandosi di altri 5/100 e precede di 1/100 la bellunese Paniz, che vantava prima di oggi la migliore prestazione 2011 con 8.74, avvicinata in batteria con 8.76. Per l’atleta del Mollificio è la seconda medaglia d’argento in un campionato nazionale dopo quella dei 400 hs ai Campionati Allieve 2010.

Nel triplo allieve, gara di alto contenuto tecnico (1° posto per Ottavia Cestonaro con 12,90, migliore prestazione nazionale indoor e 2° posto per Francesca Lanciano con 12,69), Federica Roberto (Atl. Cinque Cerchi) si piazza al 6° posto con 11,66, primato personale, misura superiore di 8 cm al suo limite precedente che aveva realizzato in questa stagione indoor).

Nelle juniores 2° posto per Ambra Gatti (Cus Parma) nei 400 che trova sulla sua strada l’ostacolista laziale Flavia Battaglia che prevale in 56.07, terminandole avanti di oltre 1 secondi; per la Gatti un buon 57.23 e un altro piazzamento sul podio che si aggiunge ai 4 titoli nazionali già vinti e a 2 terzi posti.

Dopo la medaglia d’argento di Ambra Gatti il miglior piazzamento nelle gare di oggi fra le juniores è di Maria Chiara Neri (Atl. Lugo) che si piazza al 6° posto in finale con 9.02, a 2/100 dal suo miglior risultato stagionale.

Nella categoria promesse uomini 4° posto nei 60 hs per Elamjad Khalifi (Fratellanza 1874 Modena) con 8.18, dopo avere corso in batteria in 8.36 e in semifinale in 8.21. In finale c’era anche Giacomo Dal Prato (Cus Parma) che si è ritirato, dopo avere corso in 8.44 in batteria e in 8.34 in semifinale. Nel triplo 5° posto per Michele Beltrandi (Atl. Imola Sacmi Avis) con 14,36.

Altre 3 medaglie sono vinte dalle atlete emiliane nella categoria promesse donne: nei 60 hs Alessandra Feudatari (Atl. Interflumina E’ Più Pomì) si piazza al 3° posto con 8.56, suo miglior tempo stagionale. Fuori portata le prime 2: Giulia Pennella (Esercito) con 8.13 realizza la miglior prestazione nazionale promesse e la cagliaritana Francesca Albiani con 8.32.

Nell’alto Serena Capponcelli (New Star) si piazza al 3° posto con 1,71: attualmente fuori portata della persicetana Elena Vallortigara con 1,89 e Chiara Vitobello con 1,81. Nel peso ancora la Capponcelli che si piazza al 2° posto con 13,26. In questa gara balza subito al comando con 12,75 al primo turno; poi al terzo l’ottimo 13,26, con il quale sembra mettere le mani sul titolo: Aurora Narcisi, la sua maggiore antagonista, risponde con 12,76 e 12,79 al 3° e 4° lancio e al 5° fa nullo, ma si scatena all’ultimo lancio con 13,97 e la Capponcelli si deve accontentare di un pur brillante 2° posto.

 

Giorgio Rizzoli

 



Condividi con
Seguici su: