Allievi: tre giorni di sfide a Jesolo

02 Ottobre 2013

Dal 4 al 6 ottobre, scatta la rassegna nazionale under 18 che vede iscritti oltre 1400 atleti. Settore per settore, ecco i protagonisti più attesi.

 

Oltre 1400 atleti (per un totale di 1939 presenze-gara) si preparano a vivere la tre giorni dei Campionati Italiani Allievi 2013. La manifestazione è in programma dal 4 al 6 ottobre allo Stadio "Armando Picchi" di Jesolo (VE), città che dal 2011 ospita anche la Kinder+Sport Cup abbinata ai Tricolore Cadetti, quest'anno in programma il 12 e 13 ottobre. Di seguito la presentazione – settore per settore - dei temi agonistici più interessanti dell'imminente rassegna dedicata agli Allievi (nati 1996-1997).  

DIRETTA STREAMING: Tutta la manifestazione sarà trasmessa online all'indirizzo http://fidal-live.tv/

ORARIO/Timetable  - DISPOSITIVO TECNICO

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia hashtag ufficiale: #jesolo2013 | Facebook: www.facebook.com/fidal.it

VELOCITA’ – Se prendiamo in considerazione le uscite recenti, in parecchi sembrano accusare la durezza della lunga stagione e quindi le gerarchie dello sprint puro potrebbero in parte essere riscritte: da Donetsk è tornato con propositi di riscatto il vicentino di origini brasiliane Franceso Tarussio (Atl. Vicentina), mentre le condizioni del figlio d’arte lombardo Andrea Federici (Atl. Bergamo 59 Creberg, semifinalista dei 100 in Ucraina) sono da verificare. In rialzo le quotazioni del campione degli 80 cadetti 2012 sulla stessa pista del Picchi, Diego Pettorossi (Sef Virtus Emilsider), e del campione giovanile di skeleton Ferdinando Mulassano (Atl. Mondovì). Stessa situazione in campo femminile: in questo momento sembra farsi preferire la toscana Alessia Niotta (Atl. Sestese Femm.), finalista dei 200 a Utrecht, dal momento che Micaela Moroni (Lib. Cus Perugia) e Anna Schena (Atl. Insieme New Foods) non appaiono al top della condizione.  La campionessa cadette uscente Julia Calliari dovrebbe dare addirittura forfeit e l’altra semifinalista dei 100 a Donetsk, Annalisa Spadotto Scott (Bracco Atl.), è rientrata solo nei Regionali di Mariano Comense. Riccardi Milano e Sisport Fiat le maggiori indiziate per i titoli della staffetta veloce. Sul giro di pista attenzione ai progressi di Leonardo Vanzo (Atl. Insieme New Foods), 48.52 nei Societari assoluti di Sulmona, e del romano Simone Serafini (Running Club Futura), 48.95 nei Regionali laziali: gli azzurri di Donetsk Giuseppe Leonardi (Cus Catania) ed Emanuele Grossi (E.Servizi Futura Roma) vantano tempi migliori, ma ormai datati. Ancora più fluida la situazione tra le ragazze: “Ayo” Folorunso punta sugli ostacoli ed Elena Bellò sugli 800 metri, mentre mancano riscontri recenti di rilievo per la palermitana Alice Mangione (Cus Palermo), azzurra ai Mondiali. La migliore delle iscritte sul giro è la specialista degli 800 Eleonora Vandi (Avis Macerata), la novità delle ultime settimane la parmense Sara Dall’Aglio (Cus Parma). Per le staffette, si cercano avversarie per il quartetto femminile della Pro Patria Busto, solido impianto con le gemelle Troiani: tra gli allievi l’Atletica Insieme New Foods punta ad insidiare la Novatletica Chieri e l’immancabile Stud. Cariri.

MEZZOFONDO – Quanti protagonisti! Attesa e contenuti che sembrano richiamare i tempi d’oro del settore, a cavallo tra gli anni ’80 e ’90: abbiamo già detto del tentativo di doppietta per la pluriprimatista italiana Nicole Reina – iscritta, almeno in partenza, a 3000m e 2000st – e si prospettano esibizioni in solitario, come l’allieva di Giorgio Rondelli ha interpretato più volte nelle categorie inferiori. Poi i finalisti di Donetsk Yemaneberhan Crippa (GS Valsugana) e Yohannes Chiappinelli (Montepaschi Uisp Siena): i due ragazzi etiopi adottati in tenera età sono entrambi schierati nei 1500 e nei 3000 metri. Outsider di lusso i due protagonisti dell’Eyof di Utrecht, Riccardo Usai (Atl. Valeria) e Pietro Riva (Atl. Alba). Tantissimi i rampanti degli 800 metri maschili, dove sarà impegnato il semifinalista della distanza ai Mondiali Jacopo Peron (Pol. Gavirate): e la rivelazione stagionale delle allieve, Elena Bellò (Atl. Vicentina), dovrà difendere la leadership avvalorata dal bel piazzamento degli Assoluti all’Arena di Milano (2:06.42), dopo il rientro dall’Ucraina in luglio.

In ogni caso anche il line-up femminile è molto interessante: a parte la citata Eleonora Vandi (Avis Macerata), reduce da una stagione sfortunata, ci sarà pure la campionessa in carica dei 1000 metri cadette Chiara Ferdani (Spectec Atl. Carispezia). Sui 1500 Federica Zenoni (Atl. Bergamo 59 Creberg) ha messo a frutto le uscite post-mondiali per riscrivere il suo personale ed in pista è tornata di recente l’altra selezionata di Donetsk Silvia Salera (Lazio Atl.), la romana nazionale giovanile del pentathlon moderno.  Tra le specialiste delle discipline multiple, occhio all’azzurra juniores del triathlon Angelica Olmo (Cus Pavia). Capitolo siepi: se sarà al via della gara femminile, Nicole Reina potrebbe puntare al record di Valeria Roffino, mancato a Donetsk per pochi decimi in finale (6:40.70 contro 6:40.29 della biellese nel 2007). In campo maschile dovrebbe mancare l’abruzzese Giulio Perpetuo (Atl. Serafini): il capolista stagionale, un po’ deluso dopo i Mondiali, pare intenzionato a fare una scelta di vita trasferendosi periodicamente da Sulmona - a casa, da sempre, viene seguito dal tecnico sociale Anneliese Knoll - a Roma, dove ha già preso contatti con l’ex mezzofondista delle Fiamme Azzurre Giuliano Baccani. E quindi duello atteso tra il campione uscente, l’egiziano di Roma Ahmed Abdelwahed (FF.GG. Simoni) e l’azzurro di Donetsk Said Ettaqy (GS Orecchiella Garfagnana), toscano di origini marocchine.

OSTACOLI – Il menù più ghiotto potrebbe essere quello del giro di pista con barriere: mancano riscontri recenti per il figlio d’arte Giuseppe Biondo (Cus Palermo, secondo a Firenze 2012), uscito malconcio in semifinale dalla trasferta mondiale, tanto che Matteo Beria (Atl. Vicentina) ha le credenziali migliori dopo essere passato dai 110 ai 400 ostacoli proprio prima di Donetsk. Gli altri sembrano lontani, ma questa è una gara che ci ha abituati a grandi miglioramenti cronometrici nelle occasioni titolate. Dietro la già citata capolista e neo-italiana “Ayo” Folorunso, la coppia azzurra dei Mondiali, Rebecca Sartori (Gruppo Atletico Bassano 1948) ed Elisa Rovere (Udinese Malignani), ha ripreso bene dopo la pausa estiva. Nei piani alti della lista altre due ragazze che a Donetsk hanno gareggiato in altre specialità: l’eptatleta Lucia Quaglieri (Modena Atl.) e l’eclettica aostana Eleonora Marchiando (Atl. Calvesi). Invece sente il bisogno di una svolta più decisa il settore degli ostacoli alti: molto consistente per tutta la stagione l’ex calciatrice italo-australiana Rachel Malamo (Stud. Cariri) – al via anche la campionessa allieve in carica, Camilla Papa (Atl. Picenza) - in campo maschile duello possibile tra il finalista di Utrecht Gabriele Segale (Atl. Bergamo 59 Creberg) e il capolista stagionale Leonardo Bizzoni (Stud. Cariri).

SALTI – Manca qualche probabile protagonista – come l’italo-americano Luigi Colella, finalista ai Mondiali – ma nel complesso c’è tanta carne al fuoco. Tanti i reduci da Donetsk con decorazione in finale: la citata medaglia d’argento Erika Furlani (Stud. Cariri) e Filippo Lari (Atl. Livorno) nell’alto, la capitana azzurra Benedetta Cuneo (Atl. Firenze Marathon: due sesti posti, lungo e triplo, per l’atleta aretina allenata da Paolo Tenti) e Simone Forte (Campidoglio Palatino, quinto nel triplo) oltre ai lunghisti Filippo Randazzo (Pro Sport 85 Valguarnera) e Alessandro Li Veli (Riccardi Milano). Ma, nonostante le credenziali di partenza, c’è da credere che questi ragazzi non avranno vita facile: ad esempio nel triplo allievi si è dimostrato molto più costante nelle ultime settimane l’ex campione cadetti Tobia Bocchi (Cus Parma) e nell’alto ha superato 2.10 – un centimetro più di Lari a Donetsk – il lombardo Michele Longhi (Atl. Lecco-Colombo). Nel lungo maschile, poi, rientra il campione indoor di categoria Andrea Aldeghi (Atl. Lecco-Colombo), fermato in estate da un infortunio, mentre Beatrice Fiorese (Atl.

Vicentina) – già campionessa cadette sulla pedana di Jesolo un anno fa – ha spezzato dopo una lunga rincorsa il sortilegio dei sei metri in occasione degli Assoluti di Milano.  Sulla strada di Erika Furlani, pur data in condizione dopo la bella prestazione della Coppa dei Campioni juniores a Brno, potrebbe esserci la sua compagna d’avventure mondiali Eleonora Omoregie (Udinese Malignani), salita di recente a 1.74: ennesima riedizione del classico duello tra le amiche-rivali azzurre. Meno palpiti dalla pedana dell’asta, anche se la tarantina Francesca Semeraro (Alteratl. Locorotondo) è sempre un prospetto da tenere d’occhio e pur considerando la lotta aperta tra gli allievi determinata dall’assenza di Colella sulla pedana di Jesolo.

LANCI – In pericolo più di un primato nazionale: come detto, nella stagione sono già usciti i record di categoria al femminile del martello con Giulia Camporese (Cus Padova) e del giavellotto con Ilaria Casarotto (Atl. Vicentina), purtroppo entrambe frustrate nelle rispettive ambizioni all’Olympiskiy di Donetsk. La vicentina si è poi presa una parziale soddisfazione con la bella prova di Utrecht e, più di recente, avvicinando la fettuccia dei 50 metri con l’attrezzo seniores da 600 grammi. Ma l’ultima rivelazione della stagione è sicuramente Sebastiano Bianchetti (Stud. Cariri): dopo i tre nulli della finale mondiale il ragazzone di Contigliano ha riscritto con regolarità i suoi personali tra peso e disco di tutte le risme, togliendo dopo la bellezza di 39 anni a Bruno Zecchi uno storico record allievi con il peso da 7.26kg (17.00 nella finale dei Societari al “Guidobaldi”). Da seguire, sempre nel peso, il talentuoso fiorentino Leonardo Fabbri (Atl. Firenze Marathon): campione uscente dei cadetti a Jesolo e bronzo all’Eyof, ha lanciato a 18.86 sulla pedana casalinga di Campi Bisenzio. Obiettivo 15 metri – traguardo per qualificare l’intera stagione - per la coppia di punta del peso femminile: la figlia d’arte romana Claudia Bertoletti (Stud. Cariri) e l’emiliana Marta Baruffini (Cus Parma), entrambe già campionesse cadette qui in Veneto. Il disco maschile, lista capeggiata dal bergamasco Giulio Anesa (GA Vertovese, finalista a Donetsk), punta ad una prestigiosa top-10 stagionale oltre i 50 metri: a conti fatti solo uno manca all’appello e potrebbe arrivare proprio a Jesolo. La prima annata del disco allieve dopo l’uscita dalla categoria della primatista italiana Mariantonietta Basile non ha espresso fremiti. E forse un tantino inferiore alle attese la stagione del fratello d’arte del martello Tiziano Di Blasio (FF.GG. Simoni), il romano che a Jesolo ha già conquistato due titoli cadetti della specialità: pesano anche i tre nulli della qualificazione mondiale sulla sua tenuta agonistica. Unica specialità senza rappresentanti in azzurro è stato il giavellotto maschile: qualche sporadica gittata oltre i 60 metri non basta per autorizzare ottimistiche prospettive.

MARCIA – Come al solito la specialità parla pugliese, nelle varie inflessioni locali: solito gioiellino uscito dalla Don Milani di Tommaso Gentile con Noemi Stella bronzo a Donetsk e forse la ragazza di Grottaglie ha pagato l’eccessiva generosità nella fase decisiva di quella gara, lasciando al traguardo anche un possibile argento. Storia già archiviata, tuttavia, come le belle prove al maschile del barese Gregorio Angelini (Alteratl. Locorotondo) e del materano di Montescaglioso – ma ugualmente scuola barese del tacco e punta – Giuseppe Inglese (Amat. Atl. Acquaviva). Ci sarà spazio per altri? L’occasione è comunque ghiotta per puntare a nuovi primati personali.

Raul Leoni

Disponibile ai seguenti link la versione aggiornata delle LISTE ITALIANE ALL-TIME al limite dei 17 anni: ALLIEVI | ALLIEVE

IMPORTANTE: CONFERMA ISCRIZIONI ONLINE ENTRO LE ORE 16 DEL 3 OTTOBRE - In occasione dei Campionati Italiani Allievi in programma a Jesolo dal 4 al 6 ottobre, al fine di poter conoscere con anticipo il numero effettivo dei partecipanti, allo scopo di predisporre per tempo la composizione delle batterie e delle serie, verrà utilizzato il nuovo sistema di Conferma Iscrizioni Online. La conferma delle iscrizioni online di tutte le gare (ad esclusione delle staffette le cui modalità di conferma sono riportate nel documento allegato) dovrà essere effettuata, a cura della Società, a partire  dalle ore 8.00 di mercoledì 2 ottobre fino alle ore 16.00 di giovedì 3 ottobre. Per le istruzioni sulle modalità di conferma iscrizioni online, è possibile consultare il file disponibile al seguente link. Circolare Conferma Iscrizioni Online

Precisazioni sul regolamento, partecipazione e iscrizioni atleti Campionati Italiani Individuali Allievi - Jesolo (VE)

File allegati:
- ISCRITTI/Entries

Yemaneberhan Crippa (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: