Alessia Beneduce terza nel martello ai Tricolori Juniores con record

12 Giugno 2016

La martellista dell'Aterno Pescara lancia a 55,97 metri, quarto Scarlato sui 3000 siepi Juniores, quinti sui 100 Tammaro e la Clementini


 

Si sono conclusi ieri a Bressanone, in provincia di Bolzano, tre intensi giorni di atletica leggera giovanile, con i Campionati Italiani Juniores (Under 20) e Promesse (Under 23), che hanno messo in vetrina i migliori giovani talenti dell’atletica italiana delle categorie Under 20 e Under 23. La partecipazione abruzzese è stata prolifica di risultati interessanti, con una medaglia di bronzo e nove piazzamenti da finale, cioè nelle prime otto posizioni. La copertina spetta ovviamente all’impresa di Alessia Beneduce (Aterno Pescara), che ha conquistato il terzo posto nella gara di lancio del martello Juniores donne stabilendo anche il nuovo record regionale Assoluto con la misura di 55,97 metri. Il precedente primato apparteneva alla stessa atleta pescarese allenata da Enzo Imbastaro, che è stato migliorato di ben settanta centimetri ed era stato stabilito il 28 maggio scorso a Pescara. Gara dagli alti contenuti tecnici, vinta da Lucia Prinetti Anzalapaya con 61,09 metri, seconda Sara Fantini (CUS Parma) 60,55 metri.   

Dal mezzofondo proviene uno dei risultati a sorpresa per la spedizione abruzzese. Sui 3000 siepi Juniores il vastese Douglas Scarlato (Aterno Pescara) ha colto un quarto posto di spessore, con il tempo di 9’41”20, che migliora il precedente primato personale di 9’42”18 appena stabilito la settimana precedente, quando ha praticamente fatto l’esordio in una specialità per lui nuova. Nella stessa gara, dominata dal Carabiniere Yohanes Chiappinelli con 8’57”89, sesto posto di Marco Macchia (Vomano Gran Sasso) con 9’47”00. Sempre in tema di mezzofondo, si segnalano altri due piazzamenti da finale. Sui 1500 Promesse maschili, che hanno avuto un andamento tattico, è arrivato settimo l’atleta teatino, universitario americano, Federico Gasbarri (Vomano Gran Sasso) con il tempo di 3’56”75. Gara vinta dal favorito Lorenzo Pilati (Atletica Valle di Non Trento) con 3’52”54. Sui 5000 Juniores donne, settima la pescarese Ornella Marino (Aterno Pescara), che conferma i suoi progressi con 18’24”69.

La velocità ha visto tre atleti piazzati in finale, dei quali due sui 100 metri. In una giornata nella quale il vento contrario ha influenzato le finali, Ludovica Clementini (Atletica L’Aquila) si è piazzata quinta con il tempo di 12”54 (vento meno 4,1 m/s). In batteria aveva corso in 12”19 (vento + 0,3 m/s), in semifinale in 12”53 (vento meno 3,8 m/s). La gara è stata vinta dalla bolzanina Julia Viktoria Calliari (LC Bozen Raiffeisen) con 12”32. Stessa sorte per la gara maschile, dove Umberto Tammaro (Aterno Pescara) si è piazzato sesto con 11”16 (vento meno 3,9 m/s). In batteria aveva corso in 10”93 (vento + 0,9 m/s). Finale vinta da Andrea Federici (Brixia Atletica) con 10”81. Sui 400 metri Juniores, qualificazione agguantata in tuffo da Eugenio Ricciardi (Aterno Pescara), quinto in batteria con 49”51. In finale è arrivato ottavo con 49”87, primo posto di Vladimir Aceti (Vis Nova Giussano) 47”13. Nei salti si segnala l’ottavo posto di Alessia Giuliante (Gran Sasso Teramo) nel triplo Juniores con la misura di 11,62 metri (vento meno 1,6 m/s), alla quale è giunta in non perfette condizioni fisiche. Nel lancio del disco Promesse, settimo Michele Caporrella (Nuova Atletica Lanciano) con 41,59 metri. Primato personale di Davide Perazzitti (Aterno Pescara) nel martello Juniores, nono con 54,07 metri, stesso piazzamento di Giada Bilanzola (Gran Sasso Teramo) nel triplo Promesse con 11,85 metri.     



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate