Alessia Beneduce record regionale nel martello

17 Luglio 2016

Al meeting Cornacchia la Junior lancia a 56,51 metri. Giudetti vince la sfida dei 100 con 10"64 (10"52 in batteria). Bongiorni vince i 100 femminili con 11"76 (11"74 in batteria)


 

L’Adriatico Cornacchia di Pescara era uno delle piste sulle quali erano sintonizzate le attenzioni dell’atletica italiana in questo fine settimana. Lo stadio pescarese ha ospitato il 6° Meeting Internazionale Giovanni Cornacchia, organizzato dalla società Aterno Pescara. Vi hanno preso parte diversi atleti italiani di vertice e anche stranieri provenienti dalla vicina Croazia. Le gare clou annunciate alla vigilia erano quelle dei 100 metri maschili e femminili e del salto con l’asta maschile, con atleti di spessore presenti anche nel salto in lungo femminile e 400 maschili.

Una certa curiosità destavano i 100 maschili, per la presenza di Gabriele Giudetti, accreditato di 10”35, e Federico Raguni 10”32,  tempi di interesse in chiave azzurra ottenuti una decina di giorni fa a Orvieto. La sfida è stata vinta da Giudetti (Aden Molfetta) con 10”64 (vento meno 0,4 m/s) su Antonio Cassano (Firenze Marathon) 10”68, terzo Raguni (CUS Palermo) 10”71. Gara strana quella dei 100, dove in batteria tutti erano andati più forte, pur con una leggera bava di vento a favore ma apparente minor impegno agonistico: Raguni 10”50, Giudetti 10”52, Cassano 10”58. Nella finale dei 100, sesto lo Junior Umberto Tammaro (Aterno Pescara) con 11”11 (in batteria 11”05).

La giornata si era però aperta con il nuovo record regionale assoluto femminile nel lancio del martello stabilito da Alessia Beneduce (Aterno Pescara) con la misura di 56,51 metri, che migliora il precedente da lei stessa detenuto di oltre mezzo metro. Quello dell’atleta Junior pescarese è stato uno dei migliori risultati in assoluto del meeting.

I 400 metri, vinti con un rilevante 46”97 dal ventenne brindisino Daniele Corsa (Folgore Brindisi), specialista dei 100 e 200,  hanno visto anche l’ottimo terzo posto del pescarese Claudio David (Aterno Pescara) con 48”59, al primato personale, preceduto al secondo da Vito Incantalupo (Sport Service Benevento) 47”94, quarto lo Junior Eugenio Ricciardi (Aterno Pescara) 49”67. Nel giro di pista femminile spicca la vittoria della sedicenne Greta Zuccarini (Aterno Pescara) con 58”70.  

Sui 100 metri femminili era presente l’azzurra Anna  Bongiorni (Forestale) che, come nel caso degli uomini, ha corso più veloce in batteria con 11”74 (vento + 0,4 m/s), davanti alla compagna di squadra Giulia Arcioni 11”88 (v. + 0,3 m/s). In finale (vento - 0,1 m/s), la Bongiorni ha vinto con 11”76, davanti alla Arcioni 12”06, terza Roberta Ciarfella (Aterno Pescara) 12”62.

Nel salto con l’asta, da segnalare la vittoria di Andrea Sinisi (Vomano Gran Sasso) con la misura di 5,00 metri, secondo il croato Sinisa Zagorac con 4,80, terzo Matteo Flemac (Vomano Gran Sasso) 4,50. Nel salto in alto, vinto da Matteo Mosconi (Biotekna Marcon Venezia) con 2,06 metri, primato personale dell’Allievo Riccardo Reale (Aterno Pescara) terzo con 1,85, secondo Lorenzo Carloni (Libertas Orvieto) 2,00 metri. Sempre in tema di salti, vittoria nel lungo di Riccardo Ruffilli (Aterno Pescara) con 7,03 metri, secondo l’Allievo Salvatore Angelozzi (Vomano Gran Sasso) 6,73. Nella gara femminile, di buon contenuto tecnico e agonistico, primo posto della croata Antonija Radic con la misura di 6,03 metri, seconda Teresa Di Loreto (Fiamme Azzurre) 5,83, terza Giada Bilanzola (Gran Sasso Teramo) 5,69, a un centimetro dal primato personale.  

Altri risultati. Uomini. 110 ostacoli (vento +1,9 m/s): 1° Mirko Masullo (Sport Service Benevento) 14”34. Donne. Alto: 1^ Magdalena Zanze (Croazia) 1,66.  Gare giovanili. Alto Cadetti: 1° Stefano Tisselli (Hadria Pescara) 1,70. 80 Cadetti: 1° Mattia Mecozzi (Atltica Fermo) 9”41, 2° Federico Gentile (Nuova Atletica Lanciano) 9”54

 



Condividi con
Seguici su: