Al Memorial Cavulli velocisti in gran spolvero




 

Il 20° Memorial Claudio Cavulli di Imola, disputato mercoledì a Imola, ha offerto come ogni anno spunti interessanti. Dopo le gare giovanili disputate nel pomeriggio, che vedremo successivamente, la gare serali erano per le categorie assolute, che si sono concluse con l’ultima serie dei 5000 metri proprio allo scoccare della mezzanotte..

Nei 100 metri uomini, la prima serie aiutata da un po’ di vento a favore ma nei limiti (+1,7) ha visto una sfilza di primati personali veramente importanti: il vincitore è stato Lorenzo Angelini (Avis Macerata), nazionale giovanile e quest’anno al 1° anno nella categoria promesse, che si è migliorato a 10.61 (rispetto a 10.68, oltre a 10.56 con vento +3,6); dopo Angelini abbiamo gli junior Luca Valbonesi (Atl. Imola Sacmi Avis) 10.78 (p.p. eguagliato), Giovanni Cellario (Reggio Event’s) 10.79 (precedente 10.84, oltre a 10.69 con vento +2,5), Fabio Zamberletti (Sintofarm) 10.80 (precedente 11.03 oltre a 10.80 con vento +2,5) e l’allievo Marco Gianantoni (Virtus Emilsider Bologna) 10.85 (precedente 11.02), che segna anche il miglior 2012 in campo nazionale per la categoria. Tanti personali anche nelle serie successive, di cui segnaliamo il vincitore della seconda serie, lo junior Ossama Belaissaoui (Atl. Imola) con 11.08 (+1,4).

Sarebbe sufficiente questo 100 metri per connotare il buon livello dei risultati, ma ne abbiamo avuto altri. Nei 400 metri il campione europeo juniores 2011 della 4x400 Alberto Rontini (Atl. 85 Faenza) vince la serie migliore con 48.33, davanti all’altro junior Patrick Pandolce (Assindustria Padova) che si migliora da 49.12 a 48.82; 3° posto per Davide Piccolo (Virtus Emilsider Bologna) con 48.98, con 11/100 di progresso, seguito dall& rsquo;allievo Giulio Slanzi (Fiamme Oro) con 49.65, altro primato personale; in seconda serie va per la prima volta sotto i 50 secondi Gabriel Hazmi (Pontevecchio) con 49.82, mentre li sfiora lo junior Simone Montesano (Edera Forlì) con 50.09 (precedente 50.46).

Negli 800 metri Yassine El Houdni (Fratellanza 1874 Modena) è in ogni gara sempre più convicente: questa volta sfrutta l’aiuto di un compagno di squadra per passare veloce i primi 400 (53.2) e per la prima volta scende sotto l’1’50”, con 1.49.82 e quasi un secondo di progresso. 2° è Mohamed Moro (Fratellanza) con 1.51.49, mentre nelle altre serie demoliscono i loro personali gli  junior Damiano Guerrieri (Corradini Rubiera) 1.55.05 (precedente 1.57.84) e Riccardo Tamassia (Fratellanza) 1.56.29 (da 1.58.69). Nelle 2 serie allievi il miglior tempo è di Matteo Boncio (Asal Foligno) con 2.01.30.

Nei 5000 metri splendida galoppata di Gabriele Carletti (Athletic Terni), partito subito a ritmo deciso sul piede dei 2’50” al km. Cala un po’ il ritmo quando rimane solo al comando, ma il suo tempo finale di 14.27.71 oggi non è facile trovarne tanti in giro (il suo personale è comunque un notevole 13.54.25 del 2009). Gianluca Borghesi (Atl. Imola) con un finale molto veloce si piazza al 3° posto, primo fra gli atleti della nostra regione, con 14.57.47.

Nei salti uomini 5,40 nell’asta per Matteo Rubbiani (Aeronautica) e 7,10 nel lungo per Francesco Agresti (Fiamme Oro); nei lanci 45,36 nel disco per Pietro Caselli (Fratellanza) e 62,16 nel martello per Michele Ongarato (Assindustria Padova). Nel disco junior kg 1,750 55,08 per Giacomo Grotti (Libertas Runners Livorno) che vince su Martin Pilato (Atl. Ravenna) a 51,10; nel martello junior kg 6 51,27 per Alexander Chumania (Virtus C.R. Lucca). Nel disco allievi kg 1,500 54,03 per Andrea Caiaffa (Fiamme Oro); nel martello allievi kg 5 57,60 per Mattia Bissioni (Atl. Imola), che migliora il personale di 16 cm e 53,18 per Luca Soresini (Cus Parma).

Infine, come gara uomini assolute, la 4x100 dove l’Atl. Imola formazione juniores segna 41.93, grazie a Ossama Belaissaoui, Lorenzo Bilotti, Luca Bartolotti, Luca Valbonesi, nuovo primato regionale, che affianca il 41.9 manuale del Cus Universo Ferrara con Bonora, Folegati, Boldrini, Massarotti del 1985.

Nelle gare femminili, sui 100 metri la prima serie è vinta dalla allieva Caterina Bagli (Atl. Santamonica Misano) con 12.30 (+0,1), che lima 4/100 dal suo personale. Lo sfiora invece Laura Tinarelli (Francesco Francia) con 12.60, per 2/100. In ultima serie, in quanto non aveva prestazioni nel 2012, arriva un bel 12.21 (+0,7) per la junior Silvia Corbucci (Cus Bologna), che è quindi la vincitrice della gara.

Analogamente nei 400 metri, dopo il 57.26 di Carolina Bianchi (Atl. Lugo) in prima serie, che si impone sulle junior Ambra Gatti (Cus Parma) 57.61 e Silvia Corbucci (Cus Bologna) 58.05, in ultima serie c’è la junior Raphaela Lukudo (Mollificio Modenese), al rientro in Italia al momento solo provvisorio, che segna 57.19 e vince la gara.

Nei 1500 nella serie assoluta Barbara Bressi (Self Montanari Gruzza) è in testa dall’inizio alla fine e con gara solitaria vince in 4.35.06, davanti a Sonia Ruffini (Atl. Livorno) con 4.40.41. Nella serie allieve la migliore è Mamadou Binta Diallo (Avis Macerata) con 4.53.99.

Nei 5000 metri il ritmo iniziale di Veronica Paterlini (Cus Parma) e Elena Briganti (Edera Forlì) è decisamente elevato, forse troppo. Circa a metà gara la Paterlini rimane da sola, ma da un passo inferiore a 3’20” al km, gli ultimi 3 sono intorno ai 3’30” e il tempo finale è 17.12.35; la Briganti a 17.41.39, che risente anche lei del troppo veloce inizio; 3° posto per l’allieva 1° anno, specialista del triathlon, Angelica Olmo (Cus Pavia) con 18.00.98.

Nell’alto 1,73 per Serena Capponcelli (Cus Pisa Atl. Cascina), nel triplo 12,10 per Valentina Morigi (Self Montanari Gruzza) che batte Francesca Carlotto (Fiamme Azzurre) con 11,95.

Nel disco 49.40 per Silvia Lomi (Cus Parma), a 20 cm dal personale e 8° posto nella graduatoria regionale all time. Nel giavellotto 54,39 per Silvia Carli (Fiamme Oro), davanti a Serena Capponcelli (Cus Pisa Atl. Cascina) 44,98. Nel giavellotto allieve gr. 500 Maria Biserni (Edera Forlì) con 42,13, sfiora per 3 cm il proprio limite regionale.

Nella 4x100 donne in gara 2 formazioni dell’Atl. Lugo: la migliore corre in 50.57 con le allieve D’Intino, Valanzano, Reggi e Calgarini.

Per quanto riguarda le gare giovanili, negli 80 metri cadetti ennesimo successo per Diego Aldo Pettorossi (Cus Bologna) negli 80 metri con 9.27 (+1,6); gli arriva vicino l'eclettico Francesco Lama (Atl. Imola), specialista di asta, lungo e multiple, con 9.33. Nei 1000 metri fra i cadetti vince Simone Bernardi (Atl. Imola) in 2.44.03, mentre nei ragazzi si impone Lorenzo Polverelli, anch'egli Atl. Imola, con 3.04.75, quasi un secondo meglio del precedente limite personale. Nelle gare femminili giovanili doppietta delle cadette delle Fiamme Oro, con Eleonora Ferrara negli 80 in 10.57 (+2,1) e Maria Salvan 5,08 (+0,4) nel lungo.

 

Giorgio Rizzoli



Condividi con
Seguici su: