Agosto Azzurro per l'estate dell'atletica

24 Luglio 2013

Gli atleti di 7 discipline olimpiche si preparano ad affrontare le rispettive rassegne iridate

 

Quello del 2013 sarà un agosto mondiale. Anzi azzurro. Oggi al Salone d'Onore del CONI, in diretta su RaiSport 1, è stata presentata, in una formula inedita, l'estate mondiale dello sport italiano con gli atleti di sette Federazioni Sportive Nazionali di discipline olimpiche che, ad agosto, saranno protagoniste delle rispettive rassegne iridate. Oltre all'atletica impegnata ai Mondiali di Mosca dal 10 al 18 agosto, nell'Agosto Azzurro si disputeranno quelli di Scherma (Budapest, 5-12 agosto), Canoa Kayak (Duisburg, 27 agosto - 1 settembre), Canottaggio (Chungju, 25-31 agosto), Judo (Rio de Janeiro, 27-31 agosto) e Pentathlon Moderno (Kaoshiung, 21-28 agosto). Sette sport che insieme contano il 43% del medagliere italiano a Londra 2012. Mascotte di Agosto Azzurro è Agostino, un simpatico secchiello azzurro che accompagnerà ogni Nazionale nella sua avventura mondiale.

Ad aprire l'evento un minuto di silenzio (che nel prossimo week-end sarà osservato in tutte le manifestazioni sportive) in ricordo del pilota di pilota di Superbike, Andrea Antonelli. Per lui anche le prime parole pronunciate dal presidente del CONI Giovanni Malagò che stamattina aveva accolto il rientro della salma in Italia: "Purtroppo, è la seconda volta in poco tempo che perdiamo un italiano, uno del nostro mondo. Sono stato a Fiumicino, era doveroso accoglierlo". Il numero uno dello sport italiano ha quindi proseguito su Agosto Azzurro: "Quando passo del tempo respirando un'atmosfera come quella che c'è qui oggi sono felice. Grazie ad Alfio Giomi e Giorgio Scarso per aver portato avanti questa idea e congratulazioni a Luca Pancalli per la sua nomina ad Assessore alla Qualità della vita e Sport del Comune di Roma". Proprio il presidente del Comitato Italiano Paralimpico ha aggiunto: "Il mondo dello sport non si ferma mai. Sono orgoglioso del fatto che in questo Agosto Azzurro diverse federazioni vivranno in contemporanea anche l'evento paralimpico. Intanto dai Mondiali di Lione ci arriva la notizia della medaglia d'oro di Assunta Legnante con il nuovo record del mondo nel getto del peso. E' vero, tutti gli sport sono diversi, ma tutti gli atleti sono uguali perchè hanno lo stesso sogno. Sarebbe bello che tutti i risultati che dovessero arrivare nel prossimo mese fossero dedicati anche ad Andrea Antonelli". 

Il momento dell'Atletica si apre con l'intervento del Presidente FIDAL, Alfio Giomi. A lui il compito di introdurre la squadra italiana per Mosca che porterà sulla divisa Asics una freccia azzurra (ideata dall'ex velocista Luca Leonardi) con il nome di Pietro Mennea: "Quella dell'Italia è una squadra numerosa che schiera tante generazioni da quella dei giovanissimi come l'astista Roberta Bruni ad atleti affermati come il martellista Nicola Vizzoni. Gli atleti che saranno in azzurro a Mosca è perchè se lo sono meritati sul campo. Mancano all'appello due campioni come Antonietta Di Martino e Andrew Howe che speriamo di rivedere presto in azione dopo i problemi fisici che li hanno tenuti lontani dalle competizioni. Antonietta sta lavorando, Andrew è quasi pronto e in questo periodo si sta allenando a Formia". A margine un commento sui recenti casi di doping a livello internazionale: "Per quello che ci riguarda siamo orgogliosi di portare nella nostra cultura valori significativi e saper dimostrare che i risultati si raggiungono con il lavoro e non con le scorciatoie.

Sul fronte della lotta al doping c'è un grande impegno della FIDAL, del CONI, della Federazione Internazionale e della Wada. Ci dispiace solo che certe notizie mettano in secondo piano l'entusiasmo che le recenti rassegne internazionali giovanili hanno portato nel nostro ambiente con tanti ragazzi che hanno conquistato medaglie e risultati importanti. Finora in questo 2013 sono stati 535 gli atleti schierati con la maglia della Nazionale". La parola, quindi, al Direttore Tecnico Organizzativo, Massimo Magnani: "Questa squadra può valere molto. Mosca sarà una prima importante tappa sul percorso che ci condurrà alla fine del quadriennio olimpico con il traguardo dei Giochi di Rio 2016. Possiamo contare sull'energia dei giovani e sull'esperienza dei più grandi, elementi che, in un contesto così competitivo, si sapranno integrare e far forza l'un l'altro". 

SEGUI l'estate mondiale dello Sport Italiano anche su Facebook wwww.facebook.com/agostoazzurro | Twitter: @AgostoAzzurro

LE PAROLE DEGLI AZZURRI PRESENTI

Fabrizio Donato (Fiamme Gialle) – Bronzo Olimpico, Campione Europeo e primatista italiano assoluto di salto triplo: “In questa stagione ho avuto alcuni problemi fisici, non gravi ma che mi hanno condizionato in due momenti cruciali della preparazione e che mi hanno tenuto 9 mesi lontano dalle gare. Con le prime uscite agonistiche di Losanna e Montecarlo ancora non sono atterrato alle mie migliori misure, ma comunque a risultati che sono già all’altezza di una qualificazione mondiale. A Mosca avrà un suo peso anche l’esperienza, noi con più maglie azzurre sulle spalle saremo al fianco dei nostri compagni più giovani per aiutarli a esprimersi al meglio". Poi una battuta sulla sua tifosa numero uno, la figlia Greta: "Ha sette anni e ora che è finita la scuola mi segue tutti i giorni al campo e imitando i grandi si allena in modo naturale. A me sembra che abbia doti fuori dal comune, ma da padre temo di non essere molto obiettivo al riguardo”.

Veronica Borsi (Fiamme Gialle) 100hs – Bronzo Europei Indoor 60hs e primatista italiana 100hs:  “Dopo la Coppa Europa per nazioni di Gateshead e i Giochi del Mediterraneo ho fatto un periodo di pausa dalle competizioni per recuperare da alcuni fastidi fisici ed essere al meglio ai Mondiali. Ai Campionati Italiani di Milano sarò presente ma solo come spettatrice e tifosa, visto che ho scelto di continuare la preparazione e ritornare in gara proprio a Mosca. Il mio obbiettivo? Non nascondo che è tanto tempo che sogno la finale. La favorita è senz’altro Brianna Rollins, ma non dimenticherei Sally Pearson, che ancora non si è espressa al meglio ma che prevedo molto competitiva”.

Marzia Caravelli (CUS Cagliari) 100hs, 4x100: “L’obiettivo a Mosca sarà, come sempre, dare il meglio di noi stessi e soprattutto onorare la maglia azzurra tanto più che quest’anno porta il nome di Pietro Mennea, un grandissimo campione e un esempio per ogni atleta. Questo è un motivo in più per farci valere e dare il massimo di noi stessi. Siamo una squadra davvero eterogenea come età, personalità, esperienze ma ci accomuna il fatto di essere tutti molto agguerriti e combattivi.

I più giovani hanno già dimostrato di saper farsi valere in occasione dei Campionati Europei Junior o Under 23 che si sono appena conclusi, e sappiamo che tireranno fuori le unghie anche ai Mondiali”. L'ostacolista azzurra ha, quindi, chiuso il suo intervento con un saluto nel linguaggio dei segni di cui è interprete.

Nicola Vizzoni (Fiamme Gialle) - Pluricampione italiano di lancio del martello, argento olimpico a Sydney 2000: "Mosca sarà per me il nono Mondiale. Quest'anno il minimo A fissato dalla IAAF a 79 metri ha fatto una bella selezione. Spero di trovare il giusto feeling con quella palla di ferro e di farla arrivare lontano. Come dico sempre nei grandi eventi il ranking stagionale conta fino ad un certo punto perchè prima di tutto bisogna sapersela giocare al meglio in quel momento. Da capitano della Nazionale, sono contento di come siano andate le  rassegne internazionali giovanili. Da toscano ho fatto il tifo per i gemelli Dini, argento agli Europei Juniores dove Marco Bortolato si è messo al collo un bel bronzo proprio nel martello. Complimenti anche Simone Falloni, quarto agli EuroUnder23 dove ha stabilito per due volte il personale".

Giuseppe Gibilisco (Fiamme Gialle) - Primatista italiano di salto con l'asta, oro ai Mondiali 2003, bronzo olimpico ad Atene 2004 - "Non so se questa sia la stagione del ritorno, dico solo che se sto bene posso saltare anche più in alto di quanto fatto in questo 2013 (5,70 ai Giochi del Mediterraneo, ndr). Sabato tornerò in gara in Diamond League a Londra con tutto il podio dell'ultima edizione dei Giochi. Al meeting di Montecarlo mi sono ritrovato con i crampi dopo il primo salto e, alla misura successiva, ho preferito non forzare troppo".

Roberta Bruni (Forestale/Studentesca CaRiRi) - Primatista italiana assoluta indoor di salto con l'asta, bronzo ai Mondiali Juniores 2012 - "Dopo l'infortunio e la conseguente delusione degli Europei Juniores di Rieti (quinta, ndr), sento addosso una gran voglia di rifarmi. Tornerò in gara domenica per gli Assoluti di Milano".

Marco De Luca (Fiamme Gialle), 50km di marcia - 8° a Berlino 2009 e 12° a Daegu 2011: "La prima parte dell'anno è stata un po' tribolata a causa di un problema fisico che mi ha anche impedito di partecipare alla Coppa Europa a maggio. Vado a Mosca per il mio quinto Mondiale che intendo affrontare al meglio delle mie possibilità".

Lorenzo Valentini (Fiamme Gialle/Studentesca CaRiRi), 4x400 - "E' il mio primo Mondiale all'aperto, la quinta maglia azzurra che vesto nel 2013. Spero di dare il mio contributo in staffetta così come fatto ai Giochi del Mediterraneo e poi agli Europei under 23 di Tampere dove abbiamo vinto la medaglia di bronzo".

Maria Benedicta Chigbolu (Esercito/Studentesca CaRiRi), 4x400 - "Che emozione esserci anche io a Mosca! Quest'anno ho fatto un bel salto di qualità e con tanto lavoro sono riuscita a migliorarmi parecchio nei 400. In staffetta siamo un bel gruppo, speriamo di far bene insieme nell'occasione più importante".

Maria Enrica Spacca (Forestale), 4x400 - "Ho dovuto un po' combattere con qualche problema fisico che non mi ha permesso di esprimermi al massimo. Ora finalmente va meglio e spero di dimostrarlo con la staffetta a Mosca".

File allegati:
- Le pagine IAAF sulla manifestazione
- Il sito della manifestazione

Agostino, la mascotte di Agosto Azzurro


Condividi con
Seguici su: