Ad Augusta primo test per la marcia italiana




 
Tocca ai marciatori aprire la stagione dei titoli italiani di atletica. Ad Augusta, in provincia di Siracusa, si assegna domenica la maglia di campione italiano della 50 km di marcia, nel quadro della prima prova del Campionato di Società che comprende anche la gara sui 15 km femminile. E’ la prima uscita per il gruppo del “tacco e punta”, alla quale mancherà l’olimpionico Ivano Brugnetti, ancora fermo dopo l’infortunio patito questo inverno. Va detto però che sarà questa anche la prima verifica di quale sia stato l’effetto sul movimento del trionfo olimpico del campione di Milano, e a conti fatti la buona quantità di adesioni alla gara, pur in un sito piuttosto lontano e in un periodo nel quale il maltempo la fa da padrone, è la dimostrazione del fermento che la marcia torna a provare: “La gara di Augusta – spiega il caposettore Vittorio Visini – c’interessa molto per vedere i giovani impegnati su questa difficile distanza. Siamo in fase di costruzione di un gruppo valido per le scadenze imminenti, come la Coppa Europa, ma soprattutto in prospettiva Pechino 2008. Non c’interessano tanto le prestazioni cronometriche, non è questo il periodo per ottenerle, quanto invece il comportamento dei giovani, la loro attitudine alla distanza e alla fatica”. La curiosità maggiore riguarda la presenza di Michele Didoni, alla ricerca di se stesso: “Iniziamo col dire che Michele non è un neofita della distanza, in quanto vanta già un titolo tricolore. Devo dire, avendoci parlato spesso negli ultimi giorni, che Michele sembra un altro, che la vittoria di Brugnetti sembra avergli dato quella scossa che da tempo attendevamo. Lo vedo sicuramente più motivato, ma ora bisogna testarlo in gara, per lui la 50 rappresenta una prospettiva nuova. E’ la centralina del cervello che deve funzionare, il fisico c’è”. Didoni a parte, Visini preme sul discorso riguardante i giovani a confronto con gli specialisti comprovati: “Avremo Dolci (Aeronautica) al debutto, poi due sicurezze come Schwazer e Cafagna (Carabinieri), un altro esordiente come De Luca (Fiamme Gialle), e i vecchi Mistretta e Lang (Forestale). Dovrebbe venire fuori una gara incerta e tirata, utile per trarre indicazioni per il futuro”. La prova femminile, pur non titolata, rispecchia quella maschile, con le giovani a confronto con le seconde linee. Ancora ferma la Rigaudo dopo un lieve intervento chirurgico subìto a fine stagione, saranno Orsini, Pellino e Perilli (Forestale) le favorite, ma grande curiosità circonda la prova di Agnese Ragonesi (Atletica 2001), juniores di punta presente ai Mondiali di Grosseto 2004:: “C’interessa vedere lei e le altre giovani – riprende Visini – per capire cosa potranno fare in proiezione futura, soprattutto pensando alle rassegne europee che c’impegneranno in questa stagione, per Juniores e Under 23”. La manifestazione prenderà il via alle 7,30 con il ritrovo in Piazza Castello. Il via della 50 km è fissato per le 8,00, mentre la 15 femminile partirà alle 9,00. L’organizzazione è a cura dell’Atletica Augusta, che pur non avendo esperienze specifiche per la marcia corona con questo evento una lunga serie di stagioni di grande impegno: “La nostra società – afferma il responsabile Carmelo Casalaina – esiste dal 1986, abbiamo pensato che questa manifestazione potesse coronare in maniera degna i primi vent’anni di attività. La cittadina sta rispondendo magnificamente, siamo convinti che le gare avranno un’adeguata cornice di pubblico. L’unica incognita è il tempo, speriamo nella sua clemenza”. Gabriele Gentili Nella foto: Diego Cafagna, uno dei favoriti (archivio Fidal)


Condividi con
Seguici su: