Accordi per gli impianti d’atletica

12 Novembre 2014

Nascono due collaborazioni tra FIDAL e professionisti del settore per dare nuovo impulso alla realizzazione e gestione degli impianti sportivi

 

Sono due i contratti di collaborazione recentemente firmati dalla FIDAL sul cruciale tema del rilancio dell'impiantistica sportiva. La nuova generazione di impianti di atletica leggera può rappresentare una concreta opportunità di crescita, anche economica, per le società e l'intero movimento, una convinzione che ha spinto la Federazione a intraprendere alcuni rapporti di collaborazione con aziende operanti in modo specifico nel settore, nelle nuove tecnologie e nei servizi correlati. Il tutto affinché nel medio termine si possano compiere sostanziali passi avanti, da parte di tutti le parti coinvolte, per una migliore gestione degli impianti, i cui benefici ricadranno anche nell'organizzazione degli eventi, riducendo anche quel 'gap' impiantistico e di esperienza nei confronti di altre discipline. 

CIAS - Il Consorzio che raggruppa la maggiori e più esperte Aziende italiane di impiantistica sportiva che realizzano pavimentazioni sintetiche colate in opera, già da qualche anno vicino alla FIDAL, ha rinnovato la partnership con FIDAL per il prossimo biennio. L’accordo, che scadrà il 31 Dicembre 2016, è stato sancito giovedì 31 Luglio, presso la sede federale di Via Flaminia Nuova 830, con le firme del Presidente Federale Alfio Giomi e dell’ad del Consorzio CIAS, Gianfranco Bendi. Il nuovo accordo rappresenta in assoluto una pietra miliare nei rapporti di sponsorizzazione della FIDAL in questo comparto. I due Gruppi hanno dato vita a una fattiva e concreta partnership che vedrà tutti i protagonisti direttamente coinvolti nelle attività. Saranno in egual misura “gli artefici” degli esiti finali che scaturiranno dal nuovo rapporto di collaborazione, potendo diventare protagonisti della futura generazione degli impianti di atletica leggera. Altro elemento fondante dell’accordo è la costituzione di un apposito “gruppo misto di coordinamento”, che monitorerà l’avanzamento delle attività e l’avvicinamento agli obiettivi da raggiungere. Ecco i principali contenuti dell'accordo:

- contribuzione economica agli interventi di impiantistica di particolare interesse della FIDAL (già operativo);
- revisione, sviluppo e divulgazione della Circolare Tecnica 2015 (da pubblicarsi entro qualche mese);
- corsi di formazione e aggiornamento per i Collaudatori Federali e per i Dirigenti Federali (indicativamente prima dell'estate 2015);
- studio e realizzazione di un nuovo documento di programmazione nazionale degli impianti di a.l.;
- studio, realizzazione e divulgazione di nuovi modelli impiantistici caratterizzati da una marcata vocazione gestionale e di mercato;
- sviluppo delle qualità tecniche e di durabilità delle superfici specialistiche;
- comune partecipazione a Fiere, Mostre e Convegni che abbiano quale prioritaria finalità la divulgazione dei nuovi indirizzi impiantistici e degli strumenti di utilizzazione.

TECNODIR - E' diventato operativo in queste settimane anche il contratto di collaborazione con la Tecnodir, un'importante azienda operante a livello nazionale nell’ambito della progettazione e manutenzione di impianti tecnologici che, in qualità ESCo (Energy Service Company) si propone per la realizzazione di interventi di efficientamento energetico di impianti esistenti o per la realizzazione di nuovi impianti senza impatto finanziario per l’utente, sfruttando il contratto di service sul risparmio che si ottiene dall’investimento nella riqualificazione energetica di un immobile. Proprio le molteplici opportunità offerte alla causa del miglioramento della nostra vetusta impiantistica, in prospettiva del rinnovamento che si vuole avviare e di conseguenza delle future e più numerose opportunità di gestione diretta degli impianti di a.l., hanno convinto FIDAL della necessità di avere al suo fianco un Partner specialistico, appassionato e flessibile, in grado sin da ora di fornire consulenza e indirizzo strategico-tecnologico, per migliorare la condizione degli impianti attualmente in gestione e per affiancarci nell’impegnativo percorso di miglioramento della futura impiantistica. Le più qualificate e importanti tra le attività che sin da ora potranno essere avviate e che in parte sono state già avviate, possono essere riassunte nelle seguenti:

- miglioramento dello standard qualitativo degli impianti sportivi in termini di efficienza ed affidabilità;
- studio, adeguamento e realizzazione di tecnologie mirate all’ottenimento di sgravi fiscali e di modelli di incentivi nell’ambito degli interventi di riqualificazione energetica e risparmio energetico;
- realizzazione di check-up impiantistici, mirati all’analisi dell’esistente, alla valutazione dei consumi, dei costi gestionali e allo studio di sistemi di risparmio energetico, con formulazione di proposte e simulazioni gestionali;
- verifiche dei contratti in essere;
- supporto tecnico per l’acquisizione di finanziamenti e espletamento delle pratiche relative all’ottenimento delle certificazioni energetiche.

Il rapporto di partnership con Tecnodir è diventato operativo in ragione di una serie di sopralluoghi che sono stati effettuati su alcuni impianti romani, a seguito dei quali la Società ha redatto dei questionari di “Diagnosi energetica negli impianti sportivi” che, finalizzati all’iniziale raccolta dati, saranno inviati dalla Federazione a tutti i Comitati Regionali e alle Società, affinché a quanti hanno impianti in gestione o fossero in procinto di prenderne, si possa offrire l’opportunità di approcciare con metodo questo rilevante aspetto gestionale.

SEGUICI SU: Twitter: @atleticaitalia | Facebook: www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: