AL MEETING DI FABRIANO LA VELOCITA' FA SCINTILLE




 

Già, l’anno scorso la riunione organizzata dalla rinata Atletica Fabriano si era caratterizzata per una serie di brillanti performance, tutte nel segno della velocità, segno evidente della perfetta vocazione da sprint della pista. E anche quest’anno sul rettilineo dell’anello della città della carta non sono mancate le scintille ad opera di protagonisti della scena nazionale, tra cui diversi azzurri in partenza per i prossimi Mondiali di Osaka, oltre che sicuri protagonisti degli imminenti Tricolori Assoluti di Padova.

A livello maschile, sui blocchi di partenza dei 100 m c’erano, infatti, il sangiorgese delle Fiamme Oro, Luca Verdecchia, Giovanni Tomasicchio (Amatori Atl. Acquaviva) e Maurizio Checcucci (Fiamme Oro). Ed è stato proprio quest’ultimo il più veloce di tutti scattando al traguardo in 10.37. Secondo Verdecchia (10.41) e terzo Tomasicchio (10.55).
 

Nell’alto maschile, vittoria per il carabiniere Nicola Ciotti che, alla terza prova, ha superato l’asticella a quota 2,25 m, tentando, poi, senza successo anche i 2,28 m.
 

Decisamente scoppiettanti i 200 m grazie alla freccia della velocità azzurra Anita Pistone (Esercito), vincitrice in 23.68 sulla portacolori della Forestale, Manuela Grillo (24.01), mentre, a livello maschile, grande ritorno del siciliano Alessandro Cavallaro (Fiamme Gialle), al traguardo in 21.35, davanti a Roberto Donati (Esercito – 21.59) e Filippo Reina (Atl. Avis MC - 21.80).    
 

Sulle barriere alte, ottime prove di Marzia Caravelli (Jaky-Tech Apuana – 13.67) e della fermana dell’Esercito Marta Tomassetti (13.70). Tra gli uomini dei 110hs successo di Elton Bitincka (ACSI Campidoglio Palatino – 14.10) sul sangiorgese Giorgio Berdini (Aeronautica – 14.36) e sul recanatese Andrea Cocchi (Aeronautica – 14.40).
 

Nei 400hs, successo di Giovanni Diamanti (Aeronautica – 52.57) su Stefano Savi (Atl. Avis MC – 53.22) e di Anna Pane (Forestale - 58.61) su Marta Oliva (Esercito – 59.59).

La velocista junior Francesca Ramini (Sport Atl. Fermo) ha fatto il suo debutto ufficiale nei 400 m ottenendo il secondo posto (56.93), dietro a Chiara Bazzoni (Esercito – 55.93). Nel giro di pista maschile, invece, vittoria di Emanuele Magi (Bruni Atl. Vomano – 48.72) su Carlo Foresi (Sacen Corridonia – 49.10). Nei 1500 m, protagonista Gabriele Carletti (Atl. Fabriano-Osimo), davanti a tutti in 3:56.20. 

Nel lungo l’anconetano Roberto Borromei (Bruni Atl. Vomano 7,46) ha, quindi, affrontato il temibile Francesco Agresti (Fiamme Oro – 7,50), mancando il gradino più alto del podio per appena 4 cm.

Il salto con l’asta ha, invece, raccontato un nuovo capitolo del duello ad alta quota tra Matteo Rubbiani (Aeronautica) e Sergio D’Orio (Fiamme Gialle), vinto proprio da quest’ultimo per 5,40 a 5,30 m.

Nel triplo femminile, infine,  Francesca Carlotto (Fiamme Azzurre) ha avuto la meglio con la misura di 13,30 m, su Silvia Cucchi (Fiamme Oro – 12,88) e Giovanna Franzon (Forestale – 12,63).  


Condividi con
Seguici su: