A tutto Borzov: ''Mennea amico e rivale''

16 Settembre 2019

Presentata al Salone d'Onore del CONI l'autobiografia del campione olimpico di Monaco 1972 dei 100 e 200 metri: "Il grande sprint – tra sogno e realtà"


 

Il legame con l’Italia, l’amicizia-competizione con Pietro Mennea e il segreto di “come” sia diventato il velocista più forte del mondo. C’è questo e tanto altro nell'autobiografia Il grande sprint – tra sogno e realtà che il campione olimpico e membro CIO Valerij Borzov ha presentato questa mattina nel Salone d’Onore del CONI. “Ho letto tanti libri autobiografici, ultimo quello di Bolt - ha spiegato l’ex velocista sovietico, oro nei 100 e 200 ai Giochi Olimpici di Monaco ’72 - Mi sarebbe piaciuto leggere come si allenavano campioni come Owens, Bolt e Berruti. Tutti quanti hanno risposto alle domande 'chi, dove e perché’ ma nessuno ha spiegato il 'come', in quale modo bisogna allenarsi per diventare un grande velocista. Questo libro rappresenta la mia eredità e quella del mio allenatore. Volevo lasciare qualcosa ai giovani velocisti, agli allenatori, ai giornalisti, agli esperti e ai semplici appassionati. I giovani così capiranno quanto è duro il lavoro che bisogna fare per vincere”.

Alla presentazione sono intervenuti il presidente del CONI e membro CIO, Giovanni Malagò, Franco Carraro, altro rappresentante italiano al Comitato Olimpico Internazionale, Mario Pescante, membro onorario CIO, il presidente FIDAL, Alfio Giomi e Manuela Olivieri, moglie di Pietro Mennea che - come svelato oggi attraverso alcuni scritti mai pubblicati - definì l’ucraino il suo "rivale più grande, più stimato e amato”. "Eravamo amici e rivali e ognuno di noi, prima della gara, cercava di esercitare una pressione psicologica sull'altro", ha ricordato con affetto Borzov. 

“Valerij Borzov è stato un atleta strepitoso e da sempre è un grande amico dell'Italia – ha evidenziato Malagò -. È stato un grande avversario di Pietro Mennea, ma anche un grande amico: le loro competizioni, basate sul rispetto, hanno arricchito l'atletica leggera e tutto lo sport mondiale”.

Il libro è stato tradotto dalla Scuola dello Sport che ha celebrato proprio oggi il "Graduation & Open Day" del Corso di Alta Specializzazione in Management Olimpico, con Borzov che ha consegnato i diplomi agli studenti. Il corso, giunto ormai alla sua sesta edizione, è organizzato e diretto dalla Scuola dello Sport e si rivolge a giovani laureati col compito di prepararli a un immediato ingresso nel mondo del lavoro, formando così la nuova governance dello sport. “È una giornata molto significativa per i nostri ragazzi che hanno concluso un corso molto importante – ha sottolineato Rossana Ciuffetti, direttore della Scuola dello Sport -. Tra i 110 ragazzi che hanno seguito le cinque edizioni del corso, il 55% è rimasto a lavorare nel mondo dello sport”.

(da coni.it)

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- FOTO/Photos (Mezzelani/GMT)

La presentazione del libro di Borzov nel Salone d'Onore del CONI (foto Mezzelani GMT Sport)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate