A Yalta terza la Bani, Coslovich settima




 
La nazionale azzurra di lanci inizia la due giorni di Yalta, in Ucraina (Coppa Europa di lanci invernali) portando subito Zahra Bani sul podio del lancio del giavellotto femminile. L'atleta delle Fiamme Azzurre ha conquistato il terzo posto della classifica individuale della sua specialita' grazie all'ultimo lancio, misurato a 58.93, in una competizione in cui le forti folate di vento hanno fatto il bello e il cattivo tempo, rischiando di far cadere la gabbia dei martellisti. Prima della miglior misura, la Bani aveva esordito con 53.45, cui aveva fatto seguire le misure di 55.60, un nullo, un 54.44 ed un altro nullo. La gara e' stata vinta come da pronostico dalla tedesca Steffi Nerius, vicecampionessa olimpica di Atene 2004 che ha portato il mondiale stagionale del lancio del giavellotto a 63.14, migliorando i risultati conseguiti ad inizio stagione dalla sudafricana Robbeson. Seconda si e' classificata la britannica Sayers con 60.02. Claudia Coslovich (Fondiaria Sai) si e' ben comportata, migliorando il risultato di due settimane orsono a Bari fino a 57.40. la Coslovich ha conseguito il terzo posto nella sua serie ed il settimo posto complessivo. Questa la serie della Coslovich: 52.18, 57.40, 56.77, 55.32, nullo, 54.80. Soddisfazione moderata da parte di Zahra Bani: "Sono contenta per il risultato", ha dichiarato la Bani alla conferenza stampa riservata alle prime tre atlete classificate. "Si trattava della mia prima gara stagionale, avendo saltato per un dolore al piede destro i campionati invernali assoluti di Bari. Il vento si alzava improvvisaamente ed a tratti era davvero forte, disturbando la mia azione. Per ora va bene cosi'". Marco Buccellato Nella foto, Zahra Bani (Giancarlo Colombo per Omega/FIDAL - Diritti riservati) File allegati:
- IL SITO DELLA MANIFESTAZIONE



Condividi con
Seguici su: