A Napoli prove generali per la velocità




 
Il Meeting Città di Napoli assume quest’anno un particolare interesse grazie alla sua collocazione temporale. La vicinanza con la Coppa Europa, in programma nel terzo weekend di giugno, fa della riunione partenopea una sorta di prova generale per buona parte della nazionale azzurra in vista dell’appuntamento continentale. Per questo gli organizzatori napoletani hanno confezionato un meeting a misura dei nostri portacolori, proponendo loro avversari in grado di stimolarli verso un progresso di condizione e, conseguentemente, di prestazioni tecniche. La riunione campana si preannuncia ad esempio importante per il settore velocità, che si presenta in pista con tutti i suoi migliori elementi. Sui 100 metri il canadese Macrozonaris e l’americano Saddler saranno i metri di paragone per Collio, Torrieri e Rabino, tutti a caccia di un rilievo cronometrico autorevole, almeno al di sotto dei 10.30, tempo che sembra in questo momento il muro contro il quale combattere. Sui 200 Cavallaro cerca invece qualche segnale di progresso di forma in una stagione iniziata tutta in salita: l’olandese Douglas e il giamaicano Christopher Williams potrebbero essere giusti rivali per spingerlo verso tempi più vicini a quelli dello scorso anno. Terzo test in terra italiana per Andrea Longo sugli 800: uscito malconcio all’esordio milanese e un po’ più rinfrancato dall’esame torinese, a Napoli il padovano proverà a limare altri decimi di secondo dal suo primato stagionale ma soprattutto a sciogliere quelle gambe che nelle prime uscite sono sembrate ancora sature di lavoro e poco brillanti nel cambio di ritmo. Con una certa curiosità si attende poi l’esordio di Di Pardo sui 3000 siepi: il portacolori delle FF.GG. non fa mistero di puntare al minimo olimpico, la gara di Napoli deve far vedere se intanto la condizione è quella giusta per cercare poi una gara dove trovare il treno ideale per raggiungerlo. Venendo ai concorsi, quello sulla carta più intrigante è l’alto, dove Talotti e i fratelli Ciotti, affrontano l’algerino Hammad e il britannico Challenger. L’obiettivo è superare la barriera dei 2,30 (che Talotti ha già valicato, e che Nicola Ciotti sente alla sua portata). Chiusura poi con la staffetta 4x100, primo test azzurro in vista della Coppa Europa e della partecipazione ai Giochi: il tecnico Di Mulo attende questa sfida con il quartetto ungherese con molta curiosità, anche per dirimere i dubbi sulla composizione della formazione titolare per i principali appuntamenti della stagione. E le donne? Anche in campo femminile non mancano gli spunti, basti pensare alla prova del triplo dove tornerà in pedana Magdelin Martinez dopo il fresco mondiale stagionale di Torino, 14,73, una misura che la dice lunga sulla sua condizione fisica. Una serata quella napoletana che potrebbe diventare magica per l’italo-cubana, pronta a raggiungere misure di grande pregio. Attenzione anche alla gara dei 400 hs, dove la Niederstatter e la Ceccarelli, apparse già brillanti nelle prime uscite, affronteranno la specialista giamaicana Parris. Nella foto: Alessandro Cavallaro File allegati:
- La lista dei partecipanti



Condividi con
Seguici su: