A Nantes c'è l'azzurro dei giovani

02 Marzo 2018

Nell'incontro internazionale in Francia, sabato 3 marzo, sfida under 20 indoor con i padroni di casa transalpini e con la Germania, mentre nei lanci saranno impegnati anche gli under 23


 

di Alessio Giovannini

I giovani talenti di Francia, Germania e Italia non vedono l'ora di scendere in pista e sulle pedane dei lanci. L'occasione arriva domani, sabato 3 marzo, a Nantes (Francia) che quest'anno accoglierà il tradizionale incontro internazionale under 20 indoor abbinato al match di lanci lunghi che comprende anche gli under 23. L'Italia Team selezionato dal DT del settore giovanile e allo sviluppo Stefano Baldini può contare su 71 elementi: 53 per il Triangolare in sala e 18 tra discoboli, giavellottisti e martellisti. In tutto la squadra schiera 35 ragazzi e 36 ragazze compresi diversi nomi che già hanno avuto modo di far parlare di sé a livello internazionale.

"Nantes - spiega Baldini - è l'appuntamento azzurro dell'inverno per i giovani dell'atletica italiana. Sappiamo quanto i nostri ragazzi ci tengano a esserci perché la maglia della Nazionale è il sogno e l'obiettivo di tutti. Ogni volta è una manifestazione che si rivela un'ottima opportunità di confronto in questa parte della stagione e ci offre grandi soddisfazioni. Ma, quello che più conta, è che proprio in eventi come questi molti sappiano sfruttare l'occasione per esaltarsi e migliorarsi. E' vero, per ragioni diverse manca all'appello qualche volto dell'onda azzurra che ci ha fatto brillare gli occhi nel 2017, ma siamo convinti che in questo team ci sia un bel fermento. Un'energia che siamo curiosi di vedere espandersi quando arriveranno gli appuntamenti clou dell'anno come i Mondiali U20 a Tampere, gli Europei U18 a Gyor e le Olimpiadi giovanili a Buenos Aires".

Occhio, quindi, a chi ha già una medaglia in bacheca, ma non solo. L'imprevedibilità delle categorie giovanili non manca mai di regalare sorprese e incredibili exploit. In squadra cinque atleti che abbiamo visto sul podio continentale a Grosseto 2017: Alessandro Sibilio (argento 400hs e oro 4x400), Andrea Dallavalle (argento salto triplo), Klaudio Gjetja (oro 4x400), Mario Marchei (argento 4x100) e Carolina Visca (argento giavellotto).

Tutti hanno avuto modo di mostrare talento e muscoli nelle recenti rassegne nazionali di categoria a partire da Dallavalle che si è preso il record italiano indoor junior con 16,38, misura che lo pone al secondo posto del ranking mondiale stagionale U20 dove, invece, svetta con 55,04 la giavellottista Visca.

A proposito di primati, c'è chi si presenta a Nantes con il proprio nome in cima alle liste italiane alltime. E' il caso dell'ostacolista Mattia Montini (leader mondiale 2018 dei 60hs con 7.64 seguito da un validissimo Mattia Di Panfilo), del 17enne astista Ivan De Angelis (salito a quota 5,10) e di Chiara Gherardi che sotto il tetto si è impossessata dei record under 18 di 60 (7.47) e 200 metri (24.07) seguita a ruota dalla sarda Dalia Kaddari. E' una formazione che, solo nel comparto pista, vede in azzurro 10 allievi che scalpitano: oltre ai già citati De Angelis, Gherardi e Kaddari, ci sono i velocisti Benati e Cappabianca, l'altista Pieroni, l'astista Zafrani, la triplista Zanon e la marciatrice Mastrangelo. Un elenco in cui non passa ovviamente inosservata la presenza di Larissa Iapichino, figlia d'arte di due big come Fiona May e Gianni Iapichino, che ancora 15enne con 6,36 ha lasciato la sua impronta sul record italiano junior in sala. Nantes sarà la sua prima trasferta con la maglia della Nazionale.

Sempre in pista da seguire anche l'ostacolista Desola Oki e la sprinter Zaynab Dosso che ad Ancona con 7.36 ha mancato di un solo centesimo il record italiano under 20 di Vincenza Calì (7.35 nel 2002), mentre la quattrocentista Elisabetta Vandi con 54.24 è a 10 centesimi dal primato junior in sala. Nel mezzofondo il tricolore assoluto degli 800 Simone Barontini si cimenta nei 1500, lasciando i quattro giri sull'anello coperto ad Andrea Romani che agli Assoluti Indoor ha offerto un brillante spunto da velocista con il secondo posto nei 400 metri. Al femminile sarà, invece, la volta di Gaia Sabbatini reduce da un 4:22.87 che ne ha fatto la terza junior italiana di sempre sui 1500.

Capitolo lanci con la tricolore assoluta del martello Sara Fantini, già convocata anche per la prossima Coppa Europa a Leiria.

Nella stessa specialità cercano progressi lo junior Giorgio Olivieri e la promessa Giacomo Proserpio. La Visca dividerà la pedana del giavellotto con Sara Zabarino che, dopo il 53,83 dei Campionati Invernali, la tallona nelle graduatorie mondiali dell'anno. Tra i giovanissimi ci sono i medagliati dell'EYOF 2017 Carmelo Musci (pluriprimatista U18 del peso, ma stavolta in veste discobolo dopo il 53,99 di Rieti) e Diletta Fortuna nel disco, mentre l'ancora 15enne giavellottista Michele Fina farà il suo debutto azzurro, dopo i record centrati a ripetizione da cadetto.

Tra i protagonisti più attesi della manifestazione, i padroni di casa della Francia schierano la martellista Camille Sainte-Luce, vicecampionessa continentale under 23, e il giavellottista Lukas Moutarde, bronzo agli Europei U20 di Grosseto dove sono saliti sul podio anche gli sprinter Eloise de la Taille e Marine Mignon, argento 4x100 donne, e Fabrisio Saidy, secondo nella 4x400 maschile. La squadra della Germania presenta tra gli altri Bo Kanda Lita Bahre, argento nell’asta agli Europei juniores, la velocista Sophia Junk, seconda nei 200 e oro nella 4x100 da record mondiale di categoria, mentre la campionessa continentale under 20 del peso Julia Ritter è annunciata nel disco.

L'impianto indoor sede dell'incontro è un luminoso anello blu-azzurro e porta il nome dell'astista Pierre Quinon, oro olimpico a Los Angeles 1984, mentre il match di lanci si svolgerà nello stadio intitolato al rugbista Michel Lecointre.

LA SQUADRA ITALIANA PER NANTES: INDOOR - LANCI

LE SQUADRE DI FRANCIA (indoor lanci) E GERMANIA

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- ORARIO/Timetable

Carolina Visca (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su: