A Brescia keniani pronti al monopolio




 
Tutto pronto a Brescia per la Maratona che domenica prossima invaderà le strade della città lombarda. La Telemarket Brescia Art Marathon è stata spostata repentinamente in calendario da marzo alla fine di aprile per problemi organizzativi legati alla città ma la gara non sembra averne risentito, stando alle tante iscrizioni arrivate nella sede del comitato organizzatore. Come era successo nelle passate edizioni, però, la gara si candida ad essere una sfida tutta fra atleti keniani, visto che i migliori italiani hanno scelto altre sedi per le loro prove sui 42,195 km. La gara di domenica avrà il suo protagonista più atteso in James Kwambai, giovane keniano del quale si dice un gran bene, al suo debutto sulla distanza ma proveniente dalle vittorie nelle mezze maratone di Udine 2005 e soprattutto Roma-Ostia 2006. Domenica scorsa Kwambai ha svolto l’ultimo lavoro tecnico facendo da lepre fino al 30. km a Padova, ed è apparso in ottime condizioni di forma, con il clima giusto potrebbe ottenere una prestazione cronometrica di rilievo assoluto. Contro di lui i connazionali Peter Biwott, Benson Barus (tre volte vincitore a Castelbuono e primo lo scorso anno alla mezza di Nizza in 1h01:14) Evans Chebii (8. lo scorso anno a Padova), James Kutto e William Biama. Fra le donne sfida fra la campionessa in carica, l’ungherese Katalin Farkas, e l’etiope Kassa Salomie. Il totale dei partecipanti alla maratona, alla quale è affiancata la Brescia Ten sui 10 km, dovrebbe superare le mille unità. Da notare che il percorso nel suo dipanarsi attraverserà cinque piazze arredate da opere d’arte moderna sviluppate per l’occasione e delle quali gli stessi corridori passando entreranno a far parte. Il via alle 9,15 da Corso Zanardelli, arrivo in Piazza della Loggia. Nella foto: il passaggio dei corridori a Piazza della Loggia (foto organizzatori) File allegati:
- IL SITO DELLA MANIFESTAZIONE



Condividi con
Seguici su: