50 km: Caporaso rientro ok a Dudince

23 Marzo 2019

In Slovacchia, il marciatore dell’Aeronautica torna dopo quasi due anni con 3h49:14 a meno di un minuto dal primato personale. Tra le donne 4h43:36 per Federica Curiazzi.


 

Bel ritorno di Teodorico Caporaso nella 50 km di marcia. A Dudince, in Slovacchia, il portacolori dell’Aeronautica ha chiuso con il tempo di 3h49:14 in quarta posizione, a quasi due anni dall’ultima gara portata a termine sulla distanza. Per il 31enne di Benevento è il secondo risultato in carriera, a meno di un minuto dal record personale di 3h48:29 ottenuto nel 2016 ai Mondiali a squadre di Roma, dove si piazzò quarto conquistando l’oro con il team azzurro. Dopo il quinto posto in 3h52:14 nella Coppa Europa del maggio 2017 a Podebrady, il marciatore allenato da Diego Perez è stato condizionato dagli infortuni nelle ultime due stagioni. Quest’anno intanto, all’inizio di febbraio, ha discusso la tesi del dottorato europeo di ricerca in ingegneria industriale. Nella classica manifestazione internazionale Dudinska 50, all’edizione numero 38, il campano ha condotto una prova in rimonta passando decimo a metà gara in 1h55:24 per realizzare così una seconda parte nettamente più rapida della prima. Successo al norvegese Havard Haukenes con il personal best di 3h42:50 davanti al finlandese Veli-Matti Partanen (3h46:54) e al polacco Rafal Augustyn (3h47:04), mentre il 22enne pugliese Gregorio Angelini (Alteratletica Locorotondo) ha tagliato il traguardo ventesimo in 4h12:48 con una flessione nel finale.

CAPORASO: “SONO TORNATO, MI MANCAVA LA GARA” - “Una forte emozione - le parole di “Teo” Caporaso - perché non era scontato, anche se sapevo di poter fare un risultato di questo tipo. Sono rimasto fermo per quasi un anno, a causa di un’osteite pubica, e ho dovuto seguire un lungo percorso di riabilitazione, tra idroterapia e lavoro alternativo, monitorato dal settore sanitario federale. È stato quello il periodo più difficile, prima di riprendere a marciare, ma anche importante per tornare. Il problema è emerso dopo l’ultima gara, quella di Coppa Europa, e in pratica ho ripreso ad allenarmi con continuità soltanto nello scorso luglio”. A fine gennaio un test sui 35 km di San Giorgio di Gioiosa Marea, concluso anzitempo per una squalifica. “Ho cercato di costruire una base solida - prosegue - per affrontare di nuovo una 50 chilometri. La gara mi mancava e sentivo la tensione per il rientro nella mia distanza, in una mattinata di sole che però non ha dato fastidio, con temperatura in crescendo fino a 16-17 gradi. Ma sono riuscito a tenere bene, anche dal punto di vista mentale per chiudere con un “negative split” di un minuto e mezzo, che è una mia caratteristica quando le cose vanno bene. Dovevo dimostrare di essere tornato e ho centrato l’obiettivo grazie a chi mi ha sostenuto, in particolare l’Aeronautica che mi ha aspettato in questi due anni e oggi al vero esordio con la loro maglia ho potuto finalmente ripagare la loro fiducia. La marcia è anche nella mia recente tesi di dottorato, sullo sviluppo di strumenti di analisi biomeccanica per la valutazione delle infrazioni e della performance. E domani mi attende un altro impegno, quello per l’esame da allenatore nel corso di secondo livello”.

CURIAZZI, UNA NUOVA SFIDA - Sorrisi azzurri anche al femminile per il quinto posto di Federica Curiazzi in 4h43:36 nella prova vinta dalla slovacca Maria Czakova (4h16:33). La 26enne dell’Atletica Bergamo 1959 Oriocenter conclude per la prima volta una 50 chilometri e ci riesce in piena progressione, con un intermedio di 2h23:12 al giro di boa e un parziale di 27:29 negli ultimi 5000 metri. Nel primo approccio di fine gennaio, a San Giorgio di Gioiosa Marea, si era invece fermata intorno a metà gara. Più volte azzurra della 20 km, nello scorso autunno ha deciso di rientrare all’attività dopo tre stagioni di stop, stimolata dalla nuova avventura su una distanza più lunga sotto la guida tecnica di Ruggero Sala, alternando gli allenamenti al lavoro come insegnante di lettere nella scuola media. All’arrivo una dedica speciale per l’ex sprinter Vincenzo Guerini, colpito ieri da un malore nella festa per i 60 anni della società bergamasca. Sulla 20 chilometri, il 22enne piemontese Stefano Chiesa (Carabinieri) è secondo con 1h27:27 alle spalle del lituano Artur Mastianica (1h26:07), sei giorni dopo aver marciato in 1h23:47 a Lugano.

Luca Cassai

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it

File allegati:
- RISULTATI/Results


Condividi con
Seguici su: