2018: il meglio del mondo al femminile

23 Dicembre 2018

Le regine della stagione nell’atletica internazionale: primato super della siepista Chepkoech, tripletta europea per la sprinter Asher-Smith, gli exploit e le medaglie dell’anno


 

di Marco Buccellato

Seconda parte del riassunto del "meglio" dell'anno internazionale che sta per chiudersi, dedicato al panorama femminile, ricco di motivi e protagoniste. Dal primato del mondo di Beatrice Chepkoech nelle siepi alle performance strepitose di Dina Asher-Smith, Shaunae Miller-Uibo e Caster Semenya, all'anno più incredibile che la storia statistica della maratona donne abbia consegnato agli archivi.

CHEPKOECH OLTRE LA SIEPE - Nella decima tappa di Diamond League, nel Principato di Monaco, la keniana Beatrice Chepkoech toglie ben 8 secondi al record mondiale dei 3000 siepi in 8:44.32, un crono che ancora oggi vale non poco sulla distanza senza ostacoli né riviera. Il primato è largamente annunciato dal passaggio al secondo chilometro in 5:49.81, nella serata del meeting più clamoroso dell'intera stagione. L'albo dei record riscritti si aggiorna anche con le imprese dell'etiope Netsanet Gudeta nella mezza maratona "women only" (1h06:11) e della cinese Liang Rui, che porta a 4h04:36 il limite dei 50 km di marcia. Nel 2018, solo 88 uomini più veloci di lei.

UNA GAZZELLA A BERLINO - The Queen. La britannica dal sorriso irresistibile Dina Asher-Smith fa tripletta all'Europeo, portandosi a casa ori e record nazionali nuovi di zecca in 10.85 e 21.89, prima del trionfo in staffetta. E' l'apice di una stagione in cui ha perso più di una battaglia ma ha vinto la guerra dove serviva. Lo sprint regala anche il contraltare inedito del leit-motiv ivoriano: Murielle Ahouré e Marie-Josée Ta Lou ne combinano di tutti i colori, prendendosi titolo mondiale indoor e Diamond League (la prima) e la leadership dei 100 metri in condivisione con la Asher-Smith (la seconda), oltre all'argento iridato sui 60 metri.

400 DA SOGNO - Montecarlo da stropicciarsi gli occhi. Allo stadio monegasco Shaunae Miller-Uibo corre il suo terzo e ultimo 400 metri della stagione scendendo, come non succedeva da nove anni al mondo, sotto i 49 secondi in 48.97, decima prestazione all-time. Nella sua scia la piccola antilope del Bahrain Naser firma il record asiatico in 49.08. La bahamense ha dominato anche i 200 metri, chiudendo l'annata imbattuta e portando a casa l'oro ai Giochi del Commonwealth e la Diamond League. Sul giro, il futuro appartiene anche a Sydney McLaughlin, 19enne e atleta più giovane mai portata alle Olimpiadi in casa USA, a 17 anni. In 50.07 annuncia prossimi show under-50, mentre nei 400hs è già a vista del primato del mondo, arrivando a un eccezionale 52.75 in primavera, a quattro decimi dal record.

VIDEO | BEATRICE CHEPKOECH 8:44.32 RECORD MONDIALE 3000 SIEPI

ORANGE HASSAN - Se Dafne Schippers perde qualche battuta, l'altra olandese Sifan Hassan conquista la pole position nazionale con il record europeo dei 5000 metri in 14:22.34 a Rabat e con quello di mezza maratona, praticamente all'esordio sulla distanza, in 1h05:15 a Copenhagen, nel giorno senza eguali dei record mondiali di Eliud Kipchoge e Kevin Mayer. In Marocco perde dalla keniana Obiri, che si confermerà bestia nera anche nella finale di Diamond League a Zurigo, ma alla sua stagione super si aggiunge l'oro europeo di Berlino, ancora sui 5000 metri.

DOPPIO SALTO, ANZI QUADRUPLO - La pantera colombiana Caterine Ibargüen fa quello che non era mai stato sognato da nessuna saltatrice, vincere la doppia specialità lungo-triplo in Diamond League. E' la rampa di lancio per essere l'atleta dell'anno IAAF assieme a King Kipchoge. Chiude il 2018 imbattuta nel triplo, mentre il sigillo da lunghista lo mette con il record nazionale di 6,93 nella Continental Cup di Ostrava. A 34 anni è ancora capace di migliorarsi e sogna il settimo podio consecutivo sull'asse Mondiali-Olimpiadi l'anno prossimo a Doha. L'ottavo, va da sé, è per il sogno olimpico di Tokyo.

MARIYA SUBLIME - La russa Lasitskene-Kuchina ha vissuto un'altra stagione d'oro. Ventisei finali, una sola sconfitta a Rabat, l'apice di 2,04 a Volgograd (indoor), Parigi e Londra, dove ha dovuto arrampicarsi per superare una stupefacente Elena Vallortigara. Titolo mondiale indoor a Birmingham, titolo europeo a Berlino, diamante nella IAAF Diamond League. Anche l'asta ha vissuto grandi momenti, con saliscendi tra le migliori: la copertina va al titolo iridato di Sandi Morris e a quello europeo dell'olimpionica greca Stefanidi, che ha fatto sua anche la Diamond League.

BULLDOZER - Da quasi dieci anni sulla scena mondiale, Caster Semenya ha vissuto una stagione sensazionale. Ha corso l'800 più veloce degli ultimi 10 anni, realizzato record nazionali a pioggia, è scesa sotto i 50 secondi sui 400 e sotto i 4 minuti sui 1500 metri, perdendo solo due volte proprio sulle due distanze ai poli del suo baricentro, gli 800 che domina senza temere nessuno. E' la seconda interprete all-time a correre almeno tre volte sotto l'1:55 nello stesso anno.

IL TOP UNDICI - Non la miglior formazione calcistica, ma l'undici mai visto in maratona. Dieci più una, mai nella storia, hanno corso nello stesso anno una 42,195 km sotto le due ore e venti minuti. Ci riescono quattro keniane e sette etiopi ma, questo è il bello, solo in sei hanno anche vinto. Il movimento della maratona donne fa il balzo in avanti più clamoroso della storia, nel 2018 che volge al termine. Sotto le 2h24 finiscono quasi in 50, sotto le 2h27 corrono in 100! Il top è della keniana Cherono (2h18:11 a Berlino), ma la vittoria più straordinaria è di Mary Keitany a New York, che coglie il suo quarto successo nella Grande Mela in 2h22:48 con una seconda parte di gara pazzesca in 1h06:58!

I RECORD MONDIALI OUTDOOR FEMMINILI DEL 2018

Mezza maratona (solo donne) 1h06:11 Netsanet Gudeta ETH Valencia 24/3/2018
50 km marcia 4h04:36 Liang Rui CHN Taicang 5/5/2018
3000 siepi 8:44.32 Beatrice Chepkoech KEN Montecarlo 20/7/2018

 

(nei prossimi giorni saranno pubblicate tutte le altre notizie di riepilogo stagionale)

TUTTE LE NOTIZIE DEL 2018/News

TUTTE LE FOTO DEL 2018/Photos

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it



Condividi con
Seguici su: